Pattinaggio artistico: il ghiaccio lascia speranze agli Azzurri

Pattinaggio artistico: il ghiaccio lascia speranze agli Azzurri

29 Mar 2018 0 Di il cosmo

Dal 19 al 25 marzo a Milano si sono svolti i Mondiali di pattinaggio di figura che hanno fatto il record di pubblico al Forum di Assago. Nessun podio per le lame azzurre ma i risultati lasciano ben sperare sulle nuove leve. Valentina Marchei e Ondrej Hotarek hanno confermato le buone prestazioni di PyeongChang in parte nell’artistico in coppia: dopo un bel corto, non sono riusciti a consolidare la posizione nel free program, traditi da una caduta nel triplo salchow che ha compromesso la combinazione di salti e che ha portato un decimo posto mondiale. Vista l’età (31 anni lei, 34 lui), gli atleti stanno valutando il ritiro. Nella stessa disciplina Nicole Della Monica e Matteo Guarise si sono piazzati quinti e vogliono continuare a migliorarsi. Nel femminile Carolina Kostner fa sognare l’oro e poi cade ai piedi del podio: ottimo il corto, pieno di errori il programma lungo. Possibilità di crescita invece per Elisabetta Leccardi, che si è classificata 21esima al suo debutto in una grande competizione internazionale, mostrando di avere già le caratteristiche per continuare su questa strada e le possibilità di migliorare ancora. Nel maschile è di Matteo Rizzo il diciassettesimo posto mondiale, ma il giovane romano può ancora migliorare perchè la testa c’è, ma la tecnica meno. Nella danza Charlene Guignard-Marco Fabbri e Anna Cappellini-Luca Lanotte: entrambe le coppie hanno pattinato una free dance di tutto rispetto e che è valsa il season best. Per i primi due vuol dire essere pronti a ereditare eventualmente lo scettro di prima coppia italiana da Cappellini-Lanotte con pieno merito, per i secondi vuol dire essersi confermati ancora una volta nell’elite mondiale, raggiungendo anche la small medal di bronzo della free dance ed essere costretti a dover riflettere bene sull’opportunità di non ritirarsi.