Tennis, immenso Nadal: vince a Montecarlo per l’undicesima volta

Rafa Nadal aggiunge un pezzo di leggenda alla storia del tennis. L’inarrestabile spagnolo ha vinto gli ultimi 36 set giocati sulla terra rossa, conquistando nell’ultima fatica per l’undicesima volta il titolo di Montecarlo che coincide anche con il 76esimo torneo vinto e il 31esimo Masters 1000. Nishikori è tornato tra i primi trenta ma nulla ha potuto contro Rafa che si è imposto 6-3 6-2 in un’ora e 33 minuti sul giapponese, battuto per la decima volta in 12 confronti diretti. Con l’ultimo successo è allontanato anche per il momento il pericolo di un sorpasso al vertice di Roger Federer. Anche il giapponese Nishikori ha dato spettacolo: per la quarta volta finalista sconfitto in un Masters 1000, ma recuperato ai più alti livelli dopo cinque mesi tormentati a causa di un infortunio a polso destro: ci ha provato, almeno all’inizio, a contrastare, ma poi il ritmo e la pesantezza di palla di Nadal hanno scavato il solco decisivo. Kei, che tornerà nei primi 30 del mondo (era 36 prima del torneo), lui che per tre anni è stato top ten con la miglior classifica al numero 4, è stato anzi il primo avversario della settimana a trovarsi in vantaggio di un break (2-1) contro lo spagnolo. Ha cercato di essere aggressivo fin da subito, di spingere molto da fondo, di aprirsi il campo con il rovescio incrociato, ma con un gioco dispendioso e che non gli appartiene ancora del tutto. Fino al 3-3 del primo set c’è stata partita, poi le parabole cariche di potenza di Rafa, la sua pressione con i piedi sulla riga di fondo hanno mandato fuori giri Nishikori. Più che il dritto, al solito ficcante (13 vincenti) , sono stati il rovescio bimane, diagonale sulla quale non soffre più e anzi gli consente di trovare gli angoli per far male poi con l’uncino di dritto e la seconda di servizio (70% di punti vinti nel torneo, il migliore di tutti) le vere armi in più di Rafa e quelle che gli consentiranno di partire favorito con chiunque per tutta la stagione sulla terra.

di Deborah Villarboito

Rispondi