Giro d’Italia, domani al via la grande corsa con partenza da Gerusalemme

Giro d’Italia: via alla “Grande Corsa”. Venerdì 4 maggio l’Italia e non solo salirà di nuovo in sella della bicicletta rosa del Giro. Con partenza da Gerusalemme perchè la prima tappa è stata dedicata a Gino Bartali e alle sue imprese sportive e umanitarie durante la Seconda Guerra Mondiale, mentre l’ultima tappa arriverà a Roma. I primi corridori arrivati ad Israele hanno trovato un sole estivo e 37 gradi a mezzogiorno. E le previsioni per i prossimi giorni non si scostano di molto. Un sollievo per gli organizzatori israeliani dopo le piogge torrenziali che hanno ridotto alcune strade della città Santa a dei torrenti nei giorni scorsi. Tra le prime squadre a sbarcare la Willier Triestina di Filippo Pozzato e la componente europea del team di casa, la Israel Cycling Academy. Venerdì è il giorno del debutto, una storica prima volta fuori dall’Europa per il Giro d’Italia. Il via con una crono individuale da 9,7 chilometri in uno scenario unico, a ridosso delle mura di Gerusalemme e della porta di Jaffa. Poi altre due frazioni in terra israeliana, la Haifa-Tel Aviv e soprattutto la Be’er Sheva-Eilat, 229 chilometri con il lungo passaggio nel deserto del Negev prima dell’approdo alla costa del Mar Rosso. Caldo, vento e sabbia per una tappa esigente, da non sottovalutare per gli uomini di classifica, prima del trasferimento in Sicilia di lunedì 7 maggio.

Rispondi