In Italia il lavoro si chiama Impresa: dipendenti in aumento del 2,7%

Tra il 2016 e il 2017, i lavoratori nelle imprese italiane sono aumentati di ben 463 mila addetti, vale a dire +2,8%, su 17 milioni totali. I dati sono stati elaborati dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi.

È la Lombardia la regione regina con 4 milioni di addetti, il 23,7% del totale nazionale, e con +219 mila occupati in un anno (+5,8%). Milano è prima per numero di addetti delle imprese con 2,1 milioni, ossia il 12,6% nazionale. Al secondo posto l’altra metropoli, Roma, con 1,5 milioni di addetti, l’8,8%; sul podio anche Torino, con 740 mila, che precede Napoli, con 559 mila. La Lombardia è ben rappresentata anche per le altre città. Tra le prime 20 Brescia (quinta con 405 mila addetti), Bergamo (settima con 373 mila), Monza Brianza (17esima con 232 mila), Varese (20esima con 207 mila).
Milano è al primo posto anche per gli aumenti registrati nell’ultimo anno (+9,1%), a seguire Rimini e Ravenna (+6% ciascuna), Prato, Pesaro-Urbino e Bergamo (+5%). L’Italia si conferma il Paese della manifattura, settore più rappresentato con 3,7 milioni in Italia (979 mila in Lombardia), poi c’è il commercio (3,3 milioni). Al terzo posto, nel nostro Paese, ci sono i servizi di alloggio e di ristorazione (1,6 milioni di lavoratori), a conferma che il turismo è una delle fonti di guadagno principale del Bel Paese e dove, di conseguenza, si trova anche più lavoro.
Il 14,7% degli addetti, parliamo dunque di 2,5 milioni, +3,6% annuo, è in imprese femminili. Per numero di addetti delle imprese femminili, in cima alla graduatoria c’è Roma, con 174 mila, quindi Milano, con 145 mila, e Napoli, con 99 mila. Ma le città in cui le donne danno più lavoro sono altre: Benevento, Prato, Enna e Frosinone. Qui, le imprese femminili arrivano a dare occupazione al 25% di chi lavora.
Altri dati che arrivano dalla Camera di Commercio lombarda. Sono 878 mila i lavoratori in imprese stranieri (pari al 5,2% degli addetti italiani). Prime per stranieri datori di lavoro sono Prato (33,2%), quindi Firenze, Imperia e Teramo (10%). Infine, andiamo a scoprire i numeri delle imprese giovani tricolori. Sono 966 mila gli addetti d’impresa, il 5,7% del totale. Spicca Roma con 68 mila, Napoli con 64 mila e Milano con 60 mila. Per peso degli addetti sul totale al primo posto tre città del Sud: Crotone, Reggio Calabria e Caserta, con circa il 14% di tutti i posti nelle imprese del territorio.

Rispondi