Sportivi in Italia: lo straniero che guadagna, dalla F1 alle Moto al Calcio

Sono i lavoratori stranieri privilegiati, coloro che sicuramente non devono fare i conti per arrivare a fine mese. Semmai, possono guardare salire vertiginosamente il loro conto in banca, mese dopo mese. Sono gli sportivi, ingaggiati da società del nostro Paese. Se il calcio è sicuramente il più rappresentato, sono altre due le discipline che meglio trattano le stelle.

Al primo posto, infatti, c’è il tedesco Sebastian Vettel che – sotto le insegne della scuderia Ferrari – quest’anno proverà a riportare a Maranello il tanto agognato titolo mondiale. Vettel, considerato da tutti l’erede di Michael Schumacher, percepisce ben 38,5 milioni di dollari. Un’enormità. Alle sue spalle c’è il vuoto. Bisogna scendere fino a 12,5 milioni di euro per trovare lo spagnolo Jorge Lorenzo, star della Ducati del Motomondiale.

A questo punto, ecco i calciatori. Quelli di serie A fanno una vera e propria vita da nababbi, in particolare se giocano nelle cosiddette grandi. In questo 2018, spicca la Juventus, che paga l’argentino Gonzalo Higuain 7,5 milioni di euro, il connazionale Paulo Dybala 7 milioni di euro. Che elargisce al brasiliano Douglas Costa 6 milioni di euro netti. E che dà a Miralem Pjanic qualcosa come 4,5 milioni di euro all’anno.

Alla pari con l’ex Roma, c’è il bomber implacabile dell’Inter Mauro Icardi, che porta a casa dunque 4,5 milioni di euro, così come l’ariete giallorosso e di nazionalità bosniaca Edin Dzeko e il centrocampista offensivo, sempre della squadra capitolina, Radja Nainggolan.

Siamo naturalmente alle vette altissime laddove, invece, gli stranieri che lavorano nel nostro Paese spesso si devono accontentare di lavori umili e di salari molti bassi. Quando non in nero, come capita altrettanto spesso.

Attenzione, però, a fare di tutta l’erba un fascio anche per quanto riguarda il calcio e lo sport in generale. Ci sono moltissimi stranieri in discipline cosiddette minori, quelle di cui magari ci si ricorda ogni quattro anni, in occasione delle Olimpiadi, o in serie minori che devono pure loro fare i conti per non sforare a fine mese. Secondo un’indagine dell’Inps, i calciatori super ricchi sono appena il 9% del totale.

È anche vero che arrivare a sfiorare i 50 mila euro a stagione non è poi così male. Su 399 atleti non calciatori, 277 professionisti arrivano proprio a questa cifra massima. Il 30%, 122, riesce a portare a casa uno stipendio tra i 50 e i 700 mila euro.

Rispondi