Famiglia extralarge, Giovanna lascia il lavoro e apre un’impresa

In un mondo di famiglie sempre più small (con un figlio al massimo), questa è invece la vicenda di una famiglia allargata, extralarge. Lei, lui, tre figlie della coppia più un bambino piccolo di lui; totale, sei. Un lavoro alle dipendenze, troppo rigido però per poter fare anche la mamma e la casalinga.
Ne parla Giovanna: “Ero una donna in carriera, ex pubblicitaria. Poi ho sposato un uomo che aveva già un figlio piccolo. E abbiamo messo al mondo altri tre bambini. Non avendo grossi aiuti, non ho potuto continuare a fare quello che facevo. Era impossibile andare al lavoro in ufficio e, in parallelo, gestire una famiglia così impegnativa”.
Una scelta, quella di Giovanna. Ha deciso di puntare sulla famiglia, o forse sperava di riuscire a indossare i panni della super-eroina, tipo Wonder Woman, mantenendo anche il lavoro che le piaceva: “In realtà, avevo preparato un piano B. Inconsciamente, sapevo che non ce l’avrei fatta”. Lascia la scrivania, il posto fisso, la pubblicità, ciò che aveva scelto di fare nella vita. Del resto, le priorità sono diventate altre.
“Ho aperto una mia impresa, non ho più un capo a cui devo sottostare. Faccio network marketing e sto avendo successo. La strada intrapresa è quella giusta”. Ma lei non dimentica le altre donne che sono nella sua condizione: “Gran parte di quello che faccio consiste proprio nell’offrire una vera alternativa a donne che si ritrovano in una situazione impossibile, conciliare la famiglia con una professione. Spiego che le prospettive sono rosee. Racconto la mia esperienza, che deve servire da esempio”.
Il messaggio è chiaro: “Ci si può realizzare come donna, ma anche nel lavoro. Anche se troverai sempre chi cercherà di metterti i bastoni tra le ruote. Bisogna scegliere quali sono le priorità, che possono cambiare quando hai 25 anni e quando ne hai 40. Può essere che ciò che pensavi fosse perfetto non lo sia più, e che la nuova strada sia quella che ti dà più gioia e soddisfazioni”.

di Alessandro Pignatelli

Rispondi