Lions Club: Luigi Tarricone eletto governatore del distretto 108 IA1

Il Lions Club parla vercellese e lo fa a gran voce. Sarà Luigi Tarricone, commercialista e già presidente del sodalizio oggi guidato da Francesco Bavagnoli nell’anno 1999/2000, il nuovo Governatore dei leoni del distretto 108 IA1. La nomina ufficiale è avvenuta lo scorso venerdì 6 maggio durante il Congresso di chiusura del predecessore di Tarricone, Francesco Preti, in quel di Varallo. Vercelli si colora di giallo/blu dal momento che, per la prima volta nella storia del capoluogo di provincia bicciolano, il prossimo 14 luglio ospiterà altresì oltre duecento soci Lions per il congresso di apertura dell’anno lionistico piemontese e valdostano targato Tarricone. “Siamo una cosa sola. Vorrei fossimo onde dello stesso mare, foglie dello stesso albero, fiori dello stesso giardino”, queste le parole pronunciate venerdì davanti a più di 190 delegati in rappresentanza di 68 club distrettuali. “A me non interessano i numeri: non e’ questo il Lions – ha proseguito il vercellese – Il Lions sono i valori, i principi: su questo dovremo lavorare. Lavorare con umiltà per portarli avanti, dando spazio ai giovani, a coloro che sono e saranno il futuro dell’associazione”. Ad assistere all’investitura del nuovo Governatore, anche i “colleghi” Serenella Ferrara, Piero Bellardone, Francesco Bavagnoli, Daniele De Luca (futuro presidente del club bicciolano), Marcello Trada, Carlo Buscaglia e Marco Martinotti. Tarricone, durante il suo mandato, si avvarrà della collaborazione di Libero Zannino (Torino Stupinigi), eletto primo vice governatore, e di Giancarlo Somà secondo vice governatore del Moncalieri Host. “Restiamo fedeli ai nostri principi e sarà una grande stagione – ha concluso Tarricone – Se sarà una grande stagione sarà anche divertente perché l’egoismo isola, mentre l’entusiasmo è contagioso e lo percepiranno tutte le persone che avvicineremo nel nostro ‘we serve’. Non manchi mai il sorriso tra di noi e verso gli altri perchè ogni giorno senza sorriso è un giorno perso come dice Charlie Chaplin”.

di MIchela Trada

Rispondi