Lotta serrata in Serie A fino all’ultima giornata

La Juventus si laurea nuovamente Campione d’Italia, con il settimo titolo tricolore consecutivo, un record ineguagliabile, la Serie A rimane apertissima fino all’ultima giornata, in bilico tra verdetti che giungeranno solamente dopo gli ultimi 90 minuti di gare. In testa tutto è deciso, Napoli e Roma sono qualificate di diritto alla prossima Champions League, mentre la quarta squadra con diretto accesso alla massima competizione europea, uscirà dallo scontro diretto in programma tra Lazio e Inter. Una sceneggiatura dal concreto sapore thrilling che nemmeno Hitchcock avrebbe saputo scrivere meglio. L’Inter, dopo la clamorosa sconfitta interna di sabato sera contro il Sassuolo, pareva aver abbandonato ogni speranza di arrivare nella nobiltà continentale, ci ha pensato invece la Lazio di Milinkovic Savic che, in quel di Crotone, non ha saputo vincere, a regalare ancora una chance ai nerazzurri milanesi che si giocheranno tutto nello scontro diretto di Roma dell’ultima giornata di campionato. Una partita secca, senza appelli, che iscriverà una delle due compagini alla prossima Champions, Spalletti ha l’obbligo di vittoria, la Lazio di Inzaghi ha l’appannaggio di due risultati su tre per centrare il prestigioso traguardo. Chi avrà la peggio dovrà confrontarsi nella seconda coppa europea. Anche per l’Europa League, le contendenti dovranno ancora sudare, il Milan sopravanza di un punto l’Atalanta, con la quale ha pareggiato domenica, ed è la favorita per la conquista del sesto posto che da diretto accesso, ma gli orobici, in virtù della validità del settimo posto in campionato, visto che la Juventus si è accaparrata nuovamente la Coppa Italia, hanno l’ottimo vantaggio di 3 punti sulla Fiorentina, e sono nettamente favoriti, ad una sola giornata dal termine. Grande bagarre invece in zona retrocessione, con gli scenari che cambiano di partita in partita, di minuto in minuto. Domenica è andata in onda un’altalena pazzesca di emozioni contrastanti, che solo il calcio sa regalare. Con Benevento e Verona già tornate in B, gli ultimi 90 minuti regaleranno emozioni per coronarie forti a i tifosi delle rispettive squadre coinvolte. Ad oggi a rischiare di più è il Crotone, terz’ultimo a 35 punti in compagnia della Spal, favorita però dalla classifica avulsa basata tra scontri diretti e quoziente reti, a 36 troviamo il Cagliari che ha saputo cogliere una vittoria insperata e preziosissima in casa della Fiorentina, mentre Udinese e Chievo a 37 punti non possono stare tranquille, ma dovranno anche loro battersi strenuamente sino alla fine. Insomma cinque squadre per un solo posto verso l’inferno calcistico, c’è da giurarci che, come accaduto nella penultima giornata di campionato, tutto cambierà più volte repentinamente e con sorprese improvvise. Anche in coda il nostro campionato si rivela avvincente ed appassionante, e allora fuoco alle polveri, i destini di una stagione di ben cinque gloriose compagini, si deciderà negli ultimi scampoli di campionato. In bocca al lupo a tutti.

 

di Franco Leonetti

Rispondi