Alessandro, quando la vacanza ce l’hai in casa

C’è chi le vacanze le fa a casa. E non soltanto quelle estive. È il caso di Alessandro Risolo, che vive nella splendida Gallipoli, in Salento, e ammette: “Si può dire che sono in vacanza tutto l’anno”. La vita in una cittadina che attira tanti turisti ha i suoi pro e i suoi contro. Alessandro spiega senza problemi: “Sicuramente, durante il periodo estivo, Gallipoli si trasforma, purtroppo in negativo perché non è strutturata per accogliere un così alto numero di turisti, oltre tutto concentrati nelle settimane centrali di agosto. Pensate a quanti disagi ci sono per gli abitanti del luogo, e non solo”. In poche parole: “E’ un caos totale”.

Il turismo è anche una risorsa, però: “Fino a un certo punto perché di famiglie ormai se ne vedono ben poche, la maggior parte sono ragazzi e ragazzini con pochi soldi che principalmente arricchiscono le varie spiagge tipo Samsara su tutte, il modello Riccione per intenderci”. Gallipoli, insomma, non sa valorizzarsi? “E’ una cittadina molto bella, ma con pochissime strutture ricettive. E poi i costi sono molto alti, soprattutto in agosto”.

Anche Alessandro lamenta un problema noto a tutti i residenti di una città turistica, un disagio che i turisti portano insieme a loro: “Di maleducazione se ne trova quanta se ne vuole durante l’estate e, in generale, quando i flussi turistici sono più intensi”. Eppure, “io continuo a preferire il mare, questo mare. Per la montagna, chissà, magari quando invecchierò ci potrò pensare”. Mare batte montagna 4-0, insomma, per Alessandro.

Rispondi