Le vacanze degli italiani? Rigorosamente al mare

Dove andranno in vacanza gli italiani? Preferibilmente resteranno in patria, sulle spiagge del Mezzogiorno. Il motore di ricerca Momondo.it ha fatto un’indagine in 26 Paesi, tra i quali c’è anche l’Italia. Se complessivamente il 52 per cento aspira a una vacanza in spiaggia, analizzando soltanto le risposte degli italiani si sale al 71 per cento. Siamo dunque un popolo innamorato dell’acqua blu.

Clizia L’Abbate, head of markets per Momondo.it, aggiunge: “La maggior parte passerà in vacanza una settimana. Sardegna e Sicilia si spartiscono la cima della classifica come mete preferite dell’estate. Catania, Palermo e Lampedusa, Cagliari e Olbia: questa è la top five 2018”.

Più nello specifico, Catania, Palermo, Cagliari, Lampedusa e Olbia sono davanti a tutti per i voli estivi nazionali, con prezzi che vanno da 114 a 296 euro a testa. La prima settimana di agosto è la più ambita. Nella settimana del 4 agosto c’è il maggior numero di ricerche per voli verso Catania. Allungando lo sguardo fuori dai confini, New York è in testa, poi Los Angeles e Miami che chiude la classifica dei primi cinque luoghi in cui passare parte dell’estate. In mezzo ci sono Bangkok e Tokyo. I prezzi, in questo caso, vanno dai 604 euro di New York agli 873 di Tokyo.

Ci sono poi le mete emergenti degli italiani, che hanno ricevuto il maggior aumento di ricerche anno su anno. Troviamo Lampedusa (+61%), Palermo (+38%) e Cagliari (+32%) in prima, terza e quarta posizione. Insomma, chi andrà in vacanza, lo farà prevalentemente nelle due isole di cui abbiamo già parlato. Tra le altre zone emergenti, ci sono Zanzibar (+55%) in seconda posizione, e Mosca (+27%) quinta, che probabilmente risente dei Mondiali di calcio, anche se l’Italia non ci sarà.

Per quanto riguarda in budget, il 56% fa sapere che tende a risparmiare tutto l’anno per potersi poi permettere le ferie. Una volta lontani da casa, però, ci scateniamo. La prima voce sacrificabile è lo shopping (41%), appena il 15% lo farebbe per gite, escursioni e visite. Per le preoccupazioni, al primo posto c’è la comodità dell’alloggio (54%); i servizi ritenuti indispensabili nell’organizzazione del soggiorno sono la colazione inclusa nel prezzo (73%), la possibilità di avere gratuitamente il wifi (57%) e la vicinanza della spiaggia (46%).

Feries srl, proprietaria di CaseVacanza.it aggiunge altri dati. Ma in questo caso parliamo di chi passerà le ferie in una casa – vacanze. In questo caso, è Lecce a fare la parte del leone, con oltre il 20 per cento delle richieste complessive. Il 10 per cento si è rivolto in fase di preparazione a Olbia-Tempio e Cagliari; l’8 per cento a Livorno e Grosseto. Se Puglia, Sardegna e Toscana si prendono le prime tre posizioni, poi troviamo la Sicilia (8,6% di richieste, principalmente Trapani) e l’Emilia Romagna (6,5%, in particolare Rimini).

Tra gli stranieri, una fetta del 13% ha prenotato in una casa vacanze (eravamo al 10% un anno fa). Arrivano prevalentemente da Germania, Francia e Regno Unito coloro che hanno anticipato la prenotazione di almeno 90 giorni rispetto all’arrivo. Un soggiorno di questo tipo costa mediamente 935 euro per 10 notti. In alcune località sarde, tipo Costa Rei, si è arrivati a spendere l’80 per cento in più rispetto alla media. Si prenota soprattutto per gruppi di 4 persone.

Rispondi