https://il-cosmo.com/2018/06/07/stipendi-polizia-e-carabinieri-italia-indietro

Qual è la regione italiana dove si commettono più omicidi? La Calabria ha valori doppi della media nazionale, 1,6 contro 0,8 per centomila abitanti), ma nel 2013 aveva valori tripli. A seguire ci sono la Sardegna (1,4),la Basilicata, la Sicilia e la Puglia (1,2) la Campania (1,1). I valori più bassi si registrano al Nord. In Valle d’Aosta non ci sono stati omicidi, quindi ecco il Friuli Venezia Giulia e il Trentino Alto Adige (0,1 per centomila abitanti) e il Veneto (0,3).

E’ anche vero che la diminuzione più forte, tra il 2010 e il 2014, riguarda proprio il Mezzogiorno, in particolare Calabria e Puglia. Così come al Nordovest (Piemonte e Liguria) e nel Nordest. In controtendenza il Centro, in particolare il Lazio, ma anche la Sardegna, con omicidi in aumento. In 60 province italiane il tasso di omicidi è più alto della media nazionale. In testa c’è Nuoro (5 per centomila, il doppio rispetto al 2010) e Crotone (3).

Per i tentativi di omicidio, la Calabria è in testa (3,5 contro il 2,1 di media italiana), poi ci sono Puglia, Liguria, Sardegna, Basilicata e Molise (valori compresi tra 3,1 e 2,9), la Campania (2,8) e la Sicilia (2,7). Tassi di tentato omicidio minimi in Friuli Venezia Giulia, nelle province di Trento e Bolzano e in Veneto. I tentati omicidi sono diminuiti del 4,5% rispetto al 2010, ma solo Emilia Romagna, Lazio e Umbria hanno mostrato una riduzione continua dal 2011, la Calabria dal 2012. Tra le province, 41 sono sopra alla media; la prima è Isernia (4,6), poi Siracusa e Foggia (4,4), Reggio Calabria (4,3), Genova, Oristano e Crotone (4).

E nei grandi comuni? Per gli omicidi volontari, siamo sopra alla media (pari a 0,8) quasi dappertutto. Catania è davanti (2,5), poi Napoli e Bari (1,9 e 1,5), Milano, Roma, Venezia, Torino e Firenze. Tassi sotto la media per Bologna, Verona e Genova. Dal 2010, indice in costante diminuzione per Torino, Genova e Bologna. Genova, invece, per i tentati omicidi ha avuto un picco nel 2014 (5,4), seconda solo a Bari (6,2). Al terzo posto troviamo Napoli (5). Torino e Milano sono sopra alla media). Buona la situazione a Verona (1,2), Bologna (1,3), Venezia (1,5), Catania e Palermo (1,9), tutti al di sotto di 2,1, la media nazionale.

di Alessandro Pignatelli alone-buildings-city-220444.jpg

Rispondi