Ebbene sì, ci arrendiamo: siamo circondati da luoghi di vacanza

Vacanze, mare, destra, sinistra, su o giù. Voi dove andrete? Che strada prenderete? Se abitate al Nord, è molto probabile che scendiate a Sud, benché le montagne attirino pure. Se siete invece al Centro, avete veramente libertà di scelta. Potere pure salire verso l’Alta Italia. E poi il mare del Sud è più vicino, senza dimenticare che due mari sono grosso modo a pari distanza. Volete Viareggio? Volete Rimini? Potete scegliere, non farete tanti chilometri in più se abitate in una delle regioni centrali.
Se invece siete di Torino o di Milano, il primo mare a cui si può pensare è quello ligure. Genova, la riviera di ponente e di levante, le Cinque Terre. Ma se vi siete stancati di andare sempre nello stesso posto, dovete camminare un po’. Per voi non è uguale andare a Tropea piuttosto che a Genova. Vantaggi dello stare proprio nel centro d’Italia, rannicchiati. Per qualcuno anche invisibili. Adriatico e Tirreno sono lì, ogni tanto a ricordarlo arriva pure la corsa a tappe di ciclismo, la Tirreno – Adriatico. La corsa dei due mari. Ma se invece vi vien voglia dello Ionio, non c’è problema. Qualche ora in più ed eccoci giunti in Puglia o in Calabria.
Insomma, se ipoteticamente avessimo delle freccette da posizionare sulla cartina dello Stivale, vedremmo che un torinese e un milanese, ma anche un veneziano (se non ama il suo di mare) hanno sempre la freccia puntata verso giù. Per chi invece sta a Perugia o a Terni, le frecce impazziscono. Vanno in tutte le direzioni, anche grazie al fatto che il nostro è veramente un Bel Paese. Chi ama stare più tranquillo, può viaggiare verso il Lazio; chi vuole la bolgia, verso la riviera adriatica. Chi spera di incontrare i vip, può puntare su Forte dei Marmi. Chi semplicemente ama la spiaggia sabbiosa e il mare trasparente, può scendere fino in Salento. Posizione migliore, in previsione delle vacanze estive, non ci può essere davvero.
Se vi sembra poco e state già ridacchiando pensando che voi avete anche le Alpi, beh comunque scenari spettacolari ci sono anche qui vicino. Il Terminillo. Magari il Gran Sasso. Niente a che vedere con Monte Bianco o Dolomiti, concordo, ma in fondo per godersi la montagna del Nord non è che ci voglia poi tutto questo tempo. E poi, le statistiche lo ribadiscono ogni anno. Tra mare e montagna non c’è storia, l’italiano da Nord a Sud sceglie in massa l’acqua azzurra. Fin dai tempi in cui si faceva code interminabili sull’Autosole con la sua Cinquecento.
Arrendetevi, siete circondati: in questo caso, per noi non è una minaccia, ma la realtà. Siamo circondati da città di villeggiatura.

di Alessandro Pignatelliarched-window-architecture-beach-572780.jpg

Rispondi