Technology Trend 2018: scontro tecnologia – governo e trasporto volante

Si chiama ‘The Top Trends for 2018: The Power of Technology and Technology Companies’ ed è lo studio del team Visionary Innovation di Frost & Sullivan. Analizza le principali aree di metamorfosi dopo il dirompente arrivo delle innovazioni tecnologiche, a tutti i livelli. Uno studio molto utile per le aziende, che sapranno come prepararsi, in quali settori investire e come fronteggiare la competizione.
Lauren Taylor, principal analyst del gruppo Visionary Innovation di Frost & Sullivan, esordisce così: “Nell’anno, tutte le conversazioni d’affari saranno dominate da argomenti chiave come la fantascienza che diviene realtà, lo scontro tra tecnologia e governi, le preoccupazioni dei consumatori nei confronti della tecnologia e la tecnologia finanziata dallo Stato”. Andiamo a vedere cinque dei trend che più modificheranno il mondo industriale in questo 2018.
“Assisteremo a un incremento del contrasto tra le aziende tecnologiche leader del mercato e le organizzazioni e i governi che le regolano. Ci sarà un vero e proprio braccio di ferro intorno all’innovazione al fine di raggiungere un punto di equilibrio tra tutela dei consumatori e innovazione”. Altro trend, probabilmente più preoccupante, la corsa agli armamenti quantistici: “Il quantum computing si sta evolvendo velocemente e raggiungerà presto la supremazia quantistica, ossia la capacità di superare le prestazioni dei super computer tradizionali. Le aree chiave di interesse? Codifica, intelligenza artificiale, materiali e generazione di qubit”.
Arriviamo al trasporto personale volante, “che sta compiendo notevoli progressi con i perfezionamenti dei test e delle dimostrazioni, ma anche con nuovi concorrenti che si affacciano nel mercato. Pur non essendo ancora considerato molto dal pubblico, possiamo parlare di una moda dei droni”. I progressi della scienza comportamentale aziendale: “Passerà alla fase di ‘fast follower’, in qualità di funzione emergente, con aziende esperte che adotteranno principi e scienze economiche e sociali per incrementare la produttività dei lavoratori e spingere i consumatori verso risultati allettanti”.
Per ultimo, il distacco dai modelli costituiti solo da piattaforme: “Uber e Airbnb hanno fatto capire che l’interesse va oltre i modelli costituiti solo da piattaforme e si spinge fino all’acquisizione e alla partnership con fornitori di beni. C’è dunque la necessità di differenziare e superare alcune delle sfide che un modello solo con una piattaforma presenta”.
La conclusione di Taylor è piuttosto tragica: “Il 60 per cento delle aziende non arriverà a compiere 10 anni. Mentre le piattaforme, i modelli di business e le tecnologie collidono, creando sfumature e rendendo difficile la categorizzazione, questi insight possono essere strumento di riferimento essenziale per le aziende per escogitare strategie a beve termine definire obiettivi di implementazione a lungo termine”.

di Alessandro Pignatelli

Rispondi