Mercato a rilento: Juve e Inter protagoniste le altre alla finestra

Il mercato ormai entra nel vivo, ma non sono molti gli affari conclusi sino ad ora. Molte voci, rumors, indiscrezioni, trattative, ma di affari fatti ben pochi. La Juventus sta per abbracciare Emre Can a Torino, prevista la sua visita nei prossimi giorni, più precisamente domani, venerdì 22 giugno, il tedesco sarà finalmente bianconero facendo terminare una telenovela che va avanti da gennaio. La Juve punta Cancelo e Darmian, ma dipende tutto da Alex Sandro, se il laterale mancino brasiliano rimarrà, arriverà solo uno dei due citati, se partirà, uno non esclude l’altro. La Juve è forte su Golovin, rivelazione russa, accordo con il giocatore, manca ancora quello con il Cska di Mosca che ne detiene il cartellino, mentre Marotta e Paratici lavorano sottotraccia al colpo Milinkovic Savic, acquisto da oltre 100 milioni con la concorrenza di tutte le big europee: dipenderà molto dal presidente della Lazio, Lotito, come intenderà agire. Javier Pastore è sempre più vicino al suo ritorno in Italia dopo sette anni passati in Francia tra alti e bassi. La Roma, infatti, sta cercando l’accordo col Psg sulla base di 15 milioni più 3 di bonus: cifra bassa, ma obbligata per il club francese che deve vendere i pezzi in eccesso visto il Fair Play finanziario alle porte e il contratto in scadenza nel 2019 dell’argentino, la Roma cerca anche Areola, portiere del Psg, per sostituire l’eventuale partente Alisson, che ha richieste dal Real Madrid, disposto ad offrire circa 70 milioni. Nainggolan va verso l’Inter, Spalletti lo vuole fortemente, mentre per quanto riguarda il mercato in uscita dei nerazzurri, attenzione a Eder, Joao Mario e Pinamonti, che potrebbero essere sul piede di partenza. A Napoli Hamsik vuole andare via, ha ricche offerte dalla Cina, Jorginho è sempre più vicino al Manchester City di Guardiola, mentre in entrata, ad oggi, è giunto il solo Verdi dal Bologna, insomma, Ancelotti freme per i nuovi acquisti che tardano a giungere e che sembravano imminenti dopo l’investitura del tecnico. Colpo dirigenziale di livello da parte della Sampdoria, dopo l’addio del ds Daniele Pradè, la Sampdoria riparte da Walter Sabatini. L’ex coordinatore dell’area tecnica dei club di Suning, ha trovato l’accordo col club blucerchiato. Un dirigente di qualità, senza dubbio. Per il Milan sono giorni di sfibrante attesa, per quanto concerne la Camera giudicante della Uefa, al fine di discutere dello sforamento dei parametri del Fair Play Finanziario e fornire chiarimenti sulla solidità del presidente Yonghong Li. Risolta questa attesissima priorità, la società rossonera potrà dedicarsi a rinforzare l’organico, anche in base all’esito della sentenza. Il Torino cerca Bruno Peres, dalla Roma, e sarebbe un ritorno, piace molto Zaza, ex centravanti della Juventus, e non vuole mollare Verissimo, difensore brasiliano. Sul classe 95′ la concorrenza è folta tra Marsiglia, Lazio e il Lione che si è avvicinato alla richiesta effettuata dal Santos (10 milioni), arrivando ad offrire 9 milioni. Insomma, la sagra della campagna trasferimenti promette molti sogni e desideri a tutti i tifosi, in attesa di concreti colpi.

di Franco Leonetti

Rispondi