Smartbox: occhio al contratto e alla data di scadenza

Un cofanetto regalo può nascondere una truffa e, comunque, informazioni troppo vaghe. Non è tutto oro ciò che luccica, insomma. In particolare sulle responsabilità in caso di problemi, sullo smartbox manca la chiarezza. E allora l’unica cosa è attenersi alla legge che dice che la responsabilità, a meno che non sia stabilito diversamente dal contratto, è del venditore. Se avete dei problemi con il vostro weekend romantico, dovete rivolgervi dunque a chi ha venduto il cofanetto, obbligato a fornire assistenza immediata ed eventualmente a sostituire lo smartbox o a rimborsare il prezzo. Il venditore, a sua volta, dovrà poi vedersela con la società che commercializza i cofanetti regalo.

Non dimenticate poi di controllare se c’è una data di scadenza, oltre la quale l’offerta non è più valida. Capita che ce ne siano alcune che non sono valide nel fine settimana, in determinati periodi dell’anno oppure orari. Acquistando il pacchetto il negozio, non puoi restituirlo nel caso in cui non ti sia accorto di uno di questi paletti, se usi internet hai 14 giorni di tempo per esercitare il diritto di recesso e farti rimborsare il prezzo. Ogni sito deve mettere a disposizione il modulo apposito per il diritto di recesso. La richiesta va inviata per sicurezza via fax, raccomandata a.r. O pec.. Il rimborso viene effettuato riaccreditando l’importo speso sulla carta di credito usata per l’acquisto. Il cliente dovrà pagare solo le spese di restituzione del cofanetto. E il venditore, finché non ne rientrerà in possesso, può sospendere il rimborso (o almeno finché il cliente non fornisce prova dell’avvenuta spedizione). Volendo, si può decidere di prendere un altro pacchetto, ma possono essere previste spese accessorie.

Se non ti sei accorto che c’era la scadenza e l’hai superata, l’unica speranza è di ottenere una proroga. Che può andare comunque da 15 giorni a tre mesi dopo la scadenza. Naturalmente, è indispensabile prima sentire chi presta il servizio. Non è gratuita la proroga: 5-6 euro di spese di gestione e altri 5-6 euro per i costi di spedizione del nuovo cofanetto.

Prima di gridare alla truffa, in ogni caso, controlla che non sia stato tu a non accorgerti di qualcosa. E se è così, cospargiti il capo di cenere. La prossima volta starai più attento.

di Alessandro Pignatelli

Rispondi