Il 1999 tra emozioni sportive, nuove Br e Giubileo

Nel 1999, mentre siamo tutti un po’ preoccupati per il Millennium Bug (che succederà ai computer e ai macchinari elettronici?), il 31 marzo arriva al cinema un film destinato a fare storia, Matrix. Il mondo virtuale elaborato al computer (ancora lui), creato appositamente per tenerci tutti sotto controllo. Il 22 luglio, debutta il Messenger di Microsoft. Tre anni prima era nato Icq, primo servizio di messaggistica istantanea. Anche in questo caso, siamo alla rivoluzione dei contatti tra persone lontane.

Il 30 luglio, al cinema, debutta Il mistero della strega di Blair. Preceduto da una campagna pubblicitaria che conquista il pubblico e che, ovviamente, porterà i curiosi ad affollare le sale cinematografiche. L’11 agosto in Italia assistiamo a un evento raro: l’eclissi totale di sole. E’ l’ultima del millennio, l’attesa è forte. Il 28 novembre, la Basilica di Assisi restaurata dopo il terremoto riapre. Un restauro compiuto a tempo di record per la chiesa di San Francesco che tanti fedeli e turisti attira.

C’è tanto sport nel 1999. Intanto, il 13 gennaio Michael Jordan si ritira dal basket. A 36 anni, il mito Nba dei Chicago Bulls annuncia per la seconda volta di lasciare il mondo della pallacanestro. Ancora basket: il 3 luglio l’Italia diventa campione d’Europa. A Parigi, gli Azzurri incollano davanti alla tv milioni di tifosi, superando squadroni come l’Urss e la Jugoslavia, prima della finale contro la Spagna. Vinciamo l’oro pure nel volley maschile: il 12 settembre. Per la prima volta, si sperimenta il rally point system. Due settimane dopo, per la Nazionale femminile di pallavolo sarà bronzo, sempre per i campionati europei. Nel mezzo, è il Setterosa a vincere la competizione continentale, per la terza volta nella sua storia. Ancora sport, ma Formula Uno: Mika Haikkinen diventa campione del mondo, per soli due punti sul ferrarista Irvine. Il 18 dicembre, per il calcio, c’è il primo gol in serie A di Antonio Cassano, con la maglia del Bari.

Purtroppo, sono da segnalare pure diversi lutti eccellenti nel 1999: Michel Petrucciani, Fabrizio De André, Stanley Kubrick, John F. Kennedy Jr., Corrado Mantoni. Il 10 giugno del 1999 finisce la guerra del Kosovo. Debutta l’euro, che entrerà in vigore nel 2002. Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca entrano nella Nato. L’11 maggio nasce ufficialmente l’Unione Europea. L’anno finisce con le dimissioni da presidente russo di Boris Eltsin e con l’avvento al potere di Vladimir Putin. Noi italiani gioiamo per l’assegnazione del premio Oscar a ‘La vita è bella’ di Roberto Benigni: il regista toscano porta a casa ben tre statuette. Il 2 maggio il Papa proclama beato Padre Pio da Pietrelcina. Passano 11 giorni e Carlo Azeglio Ciampi diventa presidente della Repubblica.
Il 16 gennaio lascia l’Italia Abdullah Ocalan, leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk). Si era rifugiato da noi. Il 2 febbraio diventa presidente del Venezuela Hugo Rafael Chavez Frias. Il 24 marzo, inferno all’interno del traforo del Monte Bianco dopo che un camion belga ha preso fuoco. Muoiono 38 automobilisti (15 italiani), danni per 600 miliardi di lire italiane. Il tunnel resta chiuso fino al 9 marzo del 2002. Il 20 maggio le nuove Br uccidono Massimo D’Antona, consulente del ministero del Lavoro. Il 24 dicembre, con l’apertura della Porta Santa da parte del pontefice, inizia ufficialmente il Giubileo.

 

Rispondi