Nuoto, scorpacciata di successi per gli azzurri

Giochi del Mediterraneo: gli squali divoratori di medaglie parlano italiano. Incetta di medaglie per la squadra azzurra di nuoto. Quattordici ori, otto argenti, sei bronzi che fanno volare l’Italia nel medagliere della manifestazione in Catalogna che terminerà il primo luglio. I primi sussulti sno arrivati dai 50 rana con Fabio Scozzoli, già d’oro nei 100, che concede il bis imponendosi in 27’’25. Il recordman italiano – 25 medaglie tra mondiali ed europei – si mette alle spalle il serbo Caba Siladi (27’’31) e lo sloveno Peter John Stevens (27’’32). Nella gara femminile la doppietta è firmata da Arianna Castiglioni e Martina Carraro, rispettivamente sul primo e secondo gradino del podio. La primatista italiana – tocca in 31’’07 record della manifestazione che abbassa di cinque centesimi il 31’’12 della cipriota Anastasia Chrystoforou del 2013; la 25enne ligure – tesserata per Fiamme Azzurre e NC Azzurra 91 e seguita dal Fabrizio Bastelli – conclude in 31’’33. Nei 200 dorso è spettacolo con Gregorio Paltrinieri e Domenico Acerenza, dopo l’uno due nei 1500 stile libero, si ripetono a ventiquattro ore di distanza nei 400. SuperGreg vola e vince in 3’46’’29 primato personale che demolisce il 3’48’’41 registrato nel 2014 a Riccione e proiettandosi al sesto posto tra i performer italiani; il 23enne lucano – compagno d’allenamenti del campione olimpico, bimondiale e trieuropeo dei 1500 – chiude in 3’47’’50 che vale la seconda prestazione personale di sempre (primato 3’46’’27). Sorprende Federico Berlincioni d’argento nei 200 farfalla in 1’58’’01, preceduto solo dal serbo Velimir Stjepanovic (1’56’’93). Prosegue nel suo percorso di crescita Margherita Panziera che stacca la concorrenza e vince con il personale 2’08’’08 (1’03’’18), che cancella il 2’08’’99 siglato lo scorso 14 aprile agli Assoluti di Riccione, ad appena 5/100 del record italiano di Alessia Filippi (2’08’’03) in gommato. La 22enne di Montebelluna nuota la seconda miglior prestazione italiana in tessuto, dietro al 2’08’’05 di Federica Pellegrini del 2013, confermandosi al terzo posto tra le performer tricolori e conquistando il secondo titolo ai Giochi del Mediterraneo dopo quello nei 100 dorso. Tra i maschi vittoria del romano Christopher Ciccarese in 1’58’’79.

Rispondi