Motocross: Cairoli infinito, continua a far sognare

Cairoli infinito. Il dodicesimo round del mondiale di Motocross è andato in scena Pangkalpinang, sull’isola indonesiana di Bangka. Qui Tony Cairoli ha conquistato il secondo posto alle spalle di un rientrante Jeffrey Herlings, ma non è stato facile. Con la sua KTM 450 SX-F ha siglato il miglior tempo nella sessione cronometrata. L’olandese si è imposto a 18 giorni dalla frattura subita alla clavicola destra terminando a quota 47 come il siciliano. Tanti colpi di scena in gara-2. Nella manche di qualifica, poi Tony è uscito bene dal cancello, ma è caduto dopo poche curve, ripartendo in sesta posizione; con un ritmo di gara impressionante, ha rimontato fino al secondo posto che ha mantenuto fino al traguardo. In gara1 è partito bene ed è riuscito a portarsi in testa dopo cinque giri conquistando la vittoria. Incredibile comunque Jeffrey Herlings (KTM), che a 18 giorni dalla frattura subita alla clavicola destra in allenamento, ha vinto il GP di Indonesia a Pangkal Pinang. In gara 1 l’olandese (KTM), conquistato l’holeshot, è stato scavalcato da Tony Cairoli (KTM) al 5° giro e lo ha visto vincere, chiudendo stoicamente 2° davanti a Desalle (Kawasaki). In gara 2 Herlings è andato subito in testa mentre Tony si è dovuto liberare di Tim Gajser (Honda). Il siciliano, disarcionato dalla sua moto dopo 6’, è poi risalito fino a 4”5 secondi dal battistrada. Negli ultimi due giri, i colpi di scena: prima la caduta di Herlings e il sorpasso di Cairoli, che a sua volta ha commesso un errore e ha subito il controsorpasso, chiudendo 2° di manche e di GP a pari punti con il rivale. Cairoli è secondo nel GP a pari punti con Herlings (che conquista la vittoria avendo vinto gara2). In graduatoria iridata rimane alle spalle di Herlings con un distacco di soli 12 punti. Il prossimo appuntamento con la MXGP sarà già questo weekend, sull’inedita pista di Semarang per il Gran Premio di Asia.

di Deborah Villarboito

Rispondi