La Luna al cinema: domina ‘2001 Odissea nello spazio’ di Kubrick

La luna al cinema è una questione soprattutto di ‘fantascienza’. Ma non solo. Dobbiamo addirittura risalire al 1902, agli albori dunque del cinematografo, per trovare ‘Voyage dans la lune’, del regista e illusionista Georges Méliès. Considerato il padre del cinema di fantascienza, il regista una serie di effetti che all’epoca erano davvero all’avanguardia: esposizione multipla, dissolvenza, colore dipinto direttamente sulla pellicola. Di cosa parlava il film? Riprendeva i temi di Luciano di Samosata – abitanti fantastici sulla luna, l’esistenza di un regno dei Seleniti – e di Verne – cannone e proiettile che atterra proprio nell’occhio del nostro satellite.

Passano pochi anni e tocca a Fritz Lang riprendere il tema dell’allunaggio, nel 1929, con ‘Una donna sulla Luna’, scritto dalla moglie. Si parla di un gruppo di scienziati, in spedizione sul satellite, convinti che la superficie montagnosa sia ricca di filoni aurei. Compare per la prima volta un razzo a propulsione, realizzato da uno dei padri nella costruzione dei razzi, Hermann Oberth. Nel 1950 arriva l’Oscar per ‘Destination Moon’, prodotto da George Pal con la collaborazione di uno degli autori migliori di fantascienza nel dopoguerra, ossia Robert Heinlein, che aveva scritto diversi racconti sulla conquista della Luna.

Saltiamo al 1968, dunque in pieno allunaggio, con ‘2001 Odissea nello Spazio’ di Stanley Kubrick. Un capolavoro. La Luna è davvero colonizzata dall’uomo, che la utilizza come base per i suoi viaggi spaziali. Ciò che probabilmente avverrà davvero tra poco. Troviamo altri titoli, magari meno famosi, come ‘Cat Women of the Moon’. Si tratta di un film divertente, con colonna sonora scritta da Elmer Bernstein. Anche in questo caso, tema centrale è l’allunaggio. Siamo nel 1953. Pensate che, in totale, sono 257 i film registrati con il termine ‘luna’ nel titolo. Ma ce ne sono naturalmente molti altri che ne parlano.

Troviamo il duo comico Franco e Ciccio in ‘002 Operazione Luna’ di Lucio Fulci. Oppure ‘Totò sulla Luna’ di Steno. Ron Howard ha raccontato la fallimentare missione dell’Apollo 13. Romantico è invece ‘Stregati dalla luna’. Nel 1958 troviamo una pellicola italiana, ‘La morte viene dallo spazio’, il primo film di fantascienza nostrano girato dal regista Paolo Heusch. Nel 1959, il regista giapponese Ishiro Honda realizza ‘Inferno nella stratosfera’, un’invasione aliena proviene dal lato oscuro della Luna. Nel 1964 il regista austriaco Nathan Juran dirige ‘Base Luna chiama Terra’. Nel 1969, lo sbarco dell’Apollo 11 viene celebrato con ‘Luna zero due’ di Roy Ward Bake: un western lunare. Risate e azione, invece, in ‘Austin Powers: la spia che ci provava’, diretto nel 1999 da Jay Roach. Al 2002 risale ‘The Time Machine’. Nel 2009 ‘Moon’ di Duncan Jones. Nel 2012 torniamo alla colonizzazione lunare con ‘Iron Sky’ di Timo Vuorensola. Catastrofismo in ‘Oblivion’ del 2013 di Joseph Kosinski, con Tom Cruise.

di Alessandro Pignatelli

Rispondi