L’enneagramma: come il cosmo influenza il nostro modo di essere

In occasione di fenomeni eccezionali come le eclissi, tutto il mondo si ferma a guardare, col naso all’insù, quello spettacolo “che almeno una volta nella vita” merita di essere ammirato, per vedere l’effetto che fa godendo, inevitabilmente, di quella stretta connessione tra cosmo e vita terrena a cui non abbiamo mai tempo di dare importanza.
Eppure l’intero Universo è nelle nostre vite più di quanto si pensi.
Troppo presi dal ritmo frenetico dei nostri impegni, siamo ormai convinti di essere gli unici responsabili della nostra esistenza, dimenticando di vivere in simbiosi con tutto il resto, dall’invadente operatrice del call center che ci chiama negli orari più improponibili, alla Luna, per esempio.
A proposito della Luna: avete per caso osato mai definirla solamente “unico satellite della Terra”? Se sì, avete toppato!
Come si può destinare una così ridotta definizione a un essere che entra in modo così influente nelle nostre vite?
Ormai è ufficialmente riconosciuta la sua responsabilità sui parti, sulle maree, sulla semina, sulle piante e persino sulla crescita dei capelli e sull’umore.
E’ curioso e a tratti anche rassicurante, sapere che oltre se stessi c’è di più, un cosmo che ruota tutto intorno a noi!
E’ proprio la scienza a sostenere la teoria secondo la quale esiste una mutua relazione tra le ghiandole endocrine del nostro corpo e i pianeti.
In questa logica del “Come in Cielo così in Terra”, si inserisce l’Enneagramma dei Tipi, un intrigante studio sui tipi psicosomatici, o Body Types.
Da sempre l’uomo ha mostrato interesse nel volersi identificare in una definizione, un profilo, per meglio comprendere il mistero di se stesso.
L’Enneagramma (dal greco ennea, nove, e gramma, disegno) è un simbolo geometrico, una sorta di “mappa delle personalità”.
Dagli anni sessanta comincia a essere studiato e applicato soprattutto in ambito psicologico, come tecnica di autoconoscenza e indagine psicologica e applicato nell’ambito della ricerca del personale, sebbene le sue vere origini siano precedenti a tale data e facciano riferimento al filosofo armeno Georges Ivanovič Gurdjieff, che nell’enneagramma vedeva uno strumento universale per interpretare qualsiasi scienza.
L’Enneagramma dei tipi rappresenta la sequenza dei tipi, la loro relazione e le connessioni e repulsioni relative.
Questo diagramma si fonda su una precisa corrispondenza tra il Sole con i Pianeti e il Cuore con le ghiandole endocrine: il Sole si trova al centro dei Pianeti, li sostiene e li nutre. Allo stesso modo il Cuore è la sorgente di vita e sostentamento del resto del corpo. A seconda della loro distanza dal Sole, i Pianeti ricevono una diversa radiazione; allo stesso modo, le diverse distanze dal cuore delle ghiandole determina la “qualità” del sangue che le nutre.
I 9 tipi individuati nell’enneagramma sono i seguenti:
1. PERFEZIONISTA: tende a evitare la collera e ad essere perfetto in ogni occasione;
2. ALTRUISTA: aiuta ma cerca di non chiedere aiuto agli altri;
3. MANAGER: si identifica con i successi che ottiene;
4. ARTISTA: cerca di distinguersi dalla massa ed è molto sensibile;
5. PENSATORE: tende a evitare il vuoto e ad accrescere il proprio bagaglio di conoscenze;
6. LEALE: vede la vita come ordinata da leggi, regole e norme;
7. ENTUSIASTA: ama il divertimento e gli eccessi e non nota il dolore altrui;
8. LEADER: si vanta di essere forte e tende a litigare;
9. MEDIATORE: tende a evitare il conflitto e cerca pace e armonia tra le persone.
E’ importante sottolineare che non esiste un “tipo puro 100%” ma la determinazione dell’enneatipo dipende dalla ghiandola endocrina maggiormente attivata dalle influenze cosmiche.
L’enneagramma viene raffigurato con una stella a nove punte. Il triangolo interno che collega i punti 3-6-9 rappresenta le tre “preoccupazioni” mentali principali: l’immagine (3), la paura (6), e l’autoesclusione (9), cui corrispondono altrettante emozioni. Mentre gli altri sei punti della stella (1-4-2-8-5-7), collegati fra loro da linee interne, corrispondono ad altre “fissazioni” ed emozioni.
I nove enneatipi sono raggruppati sulla base di tre Centri: dell’Istinto, dell’Emozione e della Razionalità. Il Centro dell’Istinto, in alto sulla circonferenza, funziona sulla base di impulsi naturali e a esso appartengono gli enneatipi 8, 9 e 1. Gli appartenenti a questo centro tendono a seguire l’istinto e agiscono impulsivamente.
Il Centro dell’emozione, a destra sulla circonferenza, funziona sulla base dei sentimenti e dei rapporti con le altre persone, e vi appartengono gli enneatipi 2, 3 e 4, che tendono a essere più in contatto con i propri sentimenti.
Infine, il Centro della razionalità, a sinistra della circonferenza, funziona sulla base della razionalità, dello studio e della riflessione, e ne fanno parte gli enneatipi 5, 6 e 7.
E voi di che enneatipo siete?

di Antonella Lenge

Rispondi