Pallanuoto: Europei senza medaglie per la Nazionale

Settebello e Setterosa: ci abbiamo sperato. Europei senza medaglie per la Nazionale Azzurra. Quarto posto per la maschile, sesto per la femminile è il risultato finale. Il Settebello si è arreso alla Croazia, meritatamente vittoriosa nella semifinale per il bronzo europeo. Stessa piscina e stesso risultato di cinque anni fa ai Mondiali, 10-8: anche allora si giocava per il terzo posto. Pesa dunque una partenza disastrosa contro i campioni mondiali e vicecampioni olimpici, un gruppo senza punti deboli e che ha rimpiazzato il fuoriclasse Sukno (fermato l’anno scorso da problemi cardiaci) con Milos (attaccante della Mladost cresciuto nei college statunitensi). In panchina assente Tucak, squalificato dopo l’espulsione nella turbolenta semifinale con la Serbia, ricca di colpi proibiti spesso sfuggiti agli arbitri. I biancorossi sono volati sul 4-0, Campagna cerca di dare una scossa sostituendo tra i pali Del Lungo con Nicosia: un risveglio c’è stato, anche se abbiamo subito troppo al centro e abbiamo rischiato ripetutamente le controfughe avversarie. A metà gara era 7-5, non siamo riusciti mai a ridurre lo svantaggio che anzi a inizio dell’ultimo tempo – quando in campo rientrato Del Lungo torna a essere di quattro gol (10-6). Non c’è stato più spazio per un’eventuale rimonta. L’oro è andato alla Serbia: vittoria ai rigori 12-10 dopo un match equilibratissimo, terminato 7-7 nei tempi regolamentari. Fatale di cinque metri l’errore di Fernandez che ha mandato la palla sul palo. Serbi al quarto oro di fila. Chiusura senza sorriso anche per il Setterosa, travolto dalla Russia. Contro la squadra di Gaidukov, l’unica big non affrontata quest’anno, le azzurre si sono ritrovate in vantaggio in avvio sul 3-2 e sul 4-3, ma poi hanno subito troppo dal centro e in controfuga. La medaglia di bronzo alla fine è andata alla Spagna, che nella finalina ha battuto l’Ungheria 12-6. La medaglia d’oro è dell’Olanda: 6-4 sulla Grecia. Per l’Olanda un salto di un gradino rispetto a Belgrado 2016, mentre le elleniche sono tornate sul podio europeo dall’argento 2012.

di Deborah Villarboito

Rispondi