Superluna di sangue: i precedenti più spettacolari di eclissi totale

La chiamarono ‘Superluna di sangue’. Fu l’eclissi totale di luna che si verificò il 28 settembre del 2015, sicuramente una delle più spettacolari della storia. L’ultima volta, in Italia, era stato il 1982, l’anno dei Mondiali vinti dalla Nazionale di Enzo Bearzot in Spagna. La prossima sarà solo nel 2033. Quella del 2015, verificatasi nelle prime ore di un lunedì, fu visibile perfettamente non solo nel nostro Paese, ma anche in Europa, America, Asia, Africa e Oceano Atlantico.

Gli inglesi la definiscono ‘Blood Moon’, appunto Luna di Sangue. Ispira leggende e miti, così come paure. Ma nel 2015 è stata appunto una Superluna, ossia con il nostro satellite a soli 356.876 chilometri dalla Terra. Le Superlune precedenti, in fase di Luna Nuova, c’erano state a gennaio, febbraio e marzo del 2015.

Solo altre cinque volte si sono verificate Superlune di sangue, pensate un po’. Nel 1910, nel 1928, nel 1946, nel 1964 e nel 1982. Le eclissi lunari ‘normali’, come l’ultima di fine luglio, sono molto più frequenti invece: un osservatore in qualunque parte della Terra può aspettarsi di vederne una ogni 2,5 anni. Quella del 2015 è stata la quarta e ultima fase di una Tetrad, ossia un ciclo di quattro eclissi totali (15 aprile e 8 ottobre 2014, 4 aprile e 28 settembre 2015) senza l’intervallo di eclissi parziali o penombrali. Serie che si ripetono ogni 300 anni circa, come studiato nel secolo scorso da Giovanni Schiaparelli.

Abbiamo avuto, in questo 2018, già un altro spettacolo inconsueto con la Superluna blu di sangue. Visibile lo scorso 31 gennaio dall’America del Nord alla Russia. Una eclissi totale. La luna è sparita, senza raggi del sole, poi è riapparsa colorata di rosso, ma con una fascia blu a causa dell’ozono. In Europa non è stata visibile, così come in Africa e in America del Sud. Lo spettacolo è andato in scena al sorgere della luna e chi ha potuto ammirarla, non ha avuto neanche bisogno degli occhiali di protezione.

La luna, dunque, sa offrire spettacoli unici. Colori inconsueti e, fortunatamente, è più facile vedere un’eclissi totale lunare rispetto a quella solare.

di Alessandro Pignatelli

Rispondi