La ciclofficina per accorciare le distanze

In una logica di ecosostenibilità, riciclo/riuso e inclusione sociale ben si inserisce l’esperienza della Ciclofficina, nata da un’idea dell’ANPI di Samarate e brillantemente concretizzata nella collaborazione tra la Cooperativa Albatros (che si occupa di minori e famiglie), la Cooperativa Perograno (che si occupa di disabili) e la Cooperativa Versoprobo (che opera nell’ambito dei richiedenti asilo), tutte localizzate tra Samarate e Lonate Pozzolo.
Proprio presso la sede della Cooperativa Perograno, a Lonate Pozzolo, si sono tenuti 4 incontri durante lo scorso mese di giugno, in cui i ragazzi hanno appreso delle competenze da mettere poi a disposizione anche al di fuori di questa esperienza.
La ciclofficina, rigorosamente no profit, mette a disposizione tutti gli strumenti necessari per un’efficace manutenzione e riparazione della bicicletta, che non è solo il mezzo di trasporto maggiormente usato dai richiedenti asilo ma soprattutto un modo per spostarsi facendo del bene al proprio corpo e all’ambiente senza consumi.
La ciclofficina diventa così promotrice dell’uso della bicicletta e di un ritorno alla manualità, in un’epoca in cui lo sforzo maggiore è governare le scelte con un click.
È prevista per settembre la prossima edizione, che mira a creare un punto di riparazione biciclette proprio all’interno del CAS, in maniera che il cittadino possa recarvisi per riparare la propria bicicletta e incontrare, lì, delle persone che poi non sono tanto diverse dagli altri.
Andiamo in bici per accorciare ogni tipo di distanza, dunque.

di Antonella Lenge

Rispondi