Juve a punteggio pieno

Buona anche la seconda per la Juventus. Dopo la vittoria difficoltosa di Verona con il Chievo, al debutto in campionato, giunta al fotofinish, i bianconeri hanno liquidato la Lazio di Simone Inzaghi con un rotondo 2-0 allo Stadium. Cristiano Ronaldo non è riuscito ad andare in gol, nonostante la clamorosa occasione da rete che poi ha portato al raddoppio di Mandzukic, ma questo non può e non deve essere un problema. L’asso portoghese è un fuoriclasse assoluto e troverà la via del gol quanto prima, intanto la Juve, ancora appesantita dai carichi di lavoro e con alcuni giocatori con pochi allenamenti nelle gambe, si è presa la partita, dominandola, non rischiando praticamente mai, e gestendola da par suo, andando prima in vantaggio con un gol stupendo di Pjanic, in controbalzo, dal limite dal limite dell’area. Una Juventus già consapevole della propria forza, capace di orchestrare l’andamento del match e mettendo in mostra alcuni interpreti già in piena forma, Cancelo su tutti, che sulla corsia destra ha fatto ciò che ha voluto. Il portoghese deve migliorare sensibilmente la fase difensiva, poi sarà davvero un’arma letale per tutti gli avversari. Buona la prestazione di Khedira e di Mandzukic, bene Matuidi per la prima parte di gara, Bonucci e Chiellini limiti invalicabili del pacchetto arretrato, Szczesny sicuro tra i pali e Bernardeschi illuminato nella prima mezz’ora, una Juve che è piaciuta quando ha manovrato con la palla a terra, piuttosto che con i lanci lunghi, spesso infruttuosi. Chiaro che la squadra ha bisogno di mettere carburante nelle gambe in tutti gli effettivi, la squadra è in rodaggio e ci sono alcuni aspetti da migliorare, in primis i servizi per CR7, in secundis la velocità del giro palla e la brillantezza. Nel prossimo turno di campionato, Dybala e compagni sbarcheranno a Parma, contro i ducali, e ci si attende una conferma della forza e una crescita della forma per la compagine allenata da Mister Allegri. Dal canto suo, invece, la Lazio ha deluso. Reduce dalla caduta in casa con il Napoli all’esordio in campionato, dai capitolini ci si attendeva maggiore freschezza e contrasto ai danni dei padroni di casa. La Lazio ha tirato una sola volta verso la porta difesa dal portiere polacco juventino, che si è ben disimpegnato, poi il nulla. Nella seconda frazione gli uomini di Inzaghi si sono fatti irretire dalla manovra di Madama, senza riuscire a produrre praticamente nulla, difendendosi ad oltranza e incassando il secondo gol che ha sigillato partita e risultato. La Lazio, dopo le prime due prove sul campo, langue a zero punti sul fondo della classifica. Vero che ha incontrato la seconda e la prima dello scorso campionato, ma dalla formazione biancoceleste è lecito attendersi di più e meglio, con giocatori importanti come Immobile e Milinkovic Savic, decisivi nello scorso campionato, ad oggi vittime di una forma non ottimale e polveri bagnate.

di Franco Leonetti

Rispondi