La vulnerabilita’ dei giovanissimi

È stata una settimana all’insegna della cronaca più disparata quella trascorsa dall’ultimo numero. Purtroppo, sono numerosi i fatti che vedono vittime dei minori.

La giornata di giovedì 23 si è aperta con la notizia dell’identificazione, a pochi giorni dall’accaduto, dei ragazzi che il 19 agosto avrebbero ferito un 41enne di origine indiana. L’uomo è stato colpito all’addome da piombini esplosi da un’arma ad aria compressa. I responsabili sarebbero quattro giovani: uno di 19 anni, due di 18, fra cui una ragazza, e un minorenne di 17 anni. Dovranno rispondere di lesioni aggravate, esplosioni pericolose e porto di armi. Sembra invece escluso, per il momento, il movente razziale.

Venerdì 24 si è invece diffusa la triste notizia di uno stupro avvenuto a Jesolo: vittima una ragazza di soli 15 anni. La giovane si trovava in un locale del centro con degli amici. Secondo la ricostruzione, un giovane le avrebbe chiesto di uscire all’aperto per potere parlare più tranquillamente. I due si sarebbero quindi spostati sulla spiaggia, ma lì si sarebbe invece consumata la violenza. A rendersi conto dell’accaduto gli amici, che non vedendola più sono andati a cercarla: l’hanno trovata in stato di choc sulla spiaggia.

Sabato 25 è stato invece annunciato il fermo dell’uomo ritenuto responsabile dello stupro: si tratta di un 25enne di origine senegalese. L’uomo ha diversi precedenti ed era irregolare sul territorio italiano: il suo permesso di soggiorno era infatti scaduto. Avendo avuto un figlio con una donna italiana, però, la sua espulsione risultava complessa. Lo stesso giorno è emerso un altro drammatico fatto di cronaca che vede vittima un’adolescente: un ragazzo di 16 anni è accusato di avere diffuso in un gruppo di Whatsapp con amici le foto della fidanzata 14enne in atteggiamenti intimi. Nove minorenni sono stati denunciati.

Domenica 26 si riaccendono i riflettori sulla nave Diciotti: sono stati fermati, infatti, quattro uomini accusati di essere degli scafisti. Si tratta di tre cittadini egiziani e un cingalese. I reati contestati sono associazione per delinquere finalizzata alla tratta di persone, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, violenza sessuale e procurato ingresso illecito.

Lunedì 27 si torna invece a parlare del ponte Morandi di Genova, crollato il 14 agosto. Il famosissimo architetto Renzo Piano si è infatti messo a disposizione gratuitamente per la ricostruzione. Il sindaco di Genova e il presidente della regione Liguria hanno espresso la loro gratitudine, auspicando che il nuovo ponte sia simbolo di rinascita.

Ancora vittime minorenni nelle pagine di cronaca di martedì 28. In provincia di Fermo, nelle Marche, un 25enne è stato accusato di avere ricattato delle ragazzine per avere rapporti sessuali. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, il giovane avrebbe adescato 12 minorenni, convincendole a farsi inviare foto in atteggiamenti intimi. Le avrebbe quindi ricattate per ottenere dei rapporti sessuali. Il 25enne è stato arrestato per detenzione continuata di materiale pedopornografico e violenza sessuale aggravata in danno di minori infraquattordicenni.

di Fabiana Bianchi

Rispondi