Escort Advisor: Mike Morra e i segreti del successo

Primo sito di recensioni di escort in Europa, innovativo perchè ha inventato il settore delle ‘recensioni adult’ create dagli utenti, Escort Advisor in soli quattro anni ha iniziato a dominare il web. Dal 2014 ha rivoluzionato il settore degli annunci di incontri per adulti attraverso le recensioni degli utenti, che esprimono nella community online pareri ed opinioni su più di 10.000 escort e accompagnatrici in Italia (che sono in media 25.000), Spagna e UK. In 4 anni oltre 100.000 recensioni sono state scritte da più di 110.000 utenti registrati. La società proprietaria del sito è fondata e gestita da un nucleo di imprenditori italiani del web, veterani del digitale ed è supportata da un gruppo di ‘business angel’ dal profilo internazionale. Abbiamo fatto due chiacchiere con il fondatore Mike Morra per capire come funziona questo sito di successo.

Cattura

1) Da dove è nata l’idea per la creazione di Escort Advisor?
Mi sono sempre occupato di internet, da oltre 20 anni ormai. Avevo una tipica web agency italiana, ma un giorno ho sentito per caso un dato secondo il quale gli italiani sono ai primi posti di consumo di siti per adulti pro capite al mondo; mi son detto, qui c’è una opportunità… e così ho fatto, come avevo fatto tante volte per i clienti, una analisi di mercato. Ho trovato ovviamente un settore molto saturo, quasi ogni servizio era stato realizzato, ma internet ci rivela sempre delle sorprese e delle nuove opportunità. Nelle mie ricerche ho scoperto infatti che ogni mese sui principali siti del settore in Italia vengono pubblicati fra i 30.000 e i 50.000 annunci di escort e accompagnatrici. Questi annunci, (anche per la normativa poco liberale italiana) non hanno praticamente nessun controllo, tanto che errori e perfino scherzi di cattivo gusto sono all’ordine del giorno. Capita più spesso di quel che si creda che il numero di telefono di una persona finisca su una bacheca di annunci perché chi pubblica l’annuncio sbaglia ad inserire una cifra, o perché qualcuno spende i pochi euro necessari per fare uno scherzo. Questo però vuole soprattutto dire che il cliente finale rischia troppo spesso di prendere delle fregature: se nessuno controlla, negli annunci può venire scritto di tutto e quindi la qualità diventa molto bassa. Con il tempo abbiamo scoperto grazie al lavoro su questo progetto che il 60% circa degli annunci contiene almeno un dato falso. Eppure nessuno nel mondo prima di noi aveva pensato di risolvere questo problema in modo professionale, non quindi con un forum o una chat, ma con un vero e proprio servizio online, realizzato e gestito come una azienda. Evidentemente ce n’era bisogno perché in meno di 12 mesi siamo passati dal mettere la prima pagina online ad avere 1 milione di utenti unici al mese, già ad inizio 2015.

2) Come funziona Escort Advisor?
Siamo partiti dal modello di ‘Tripadvisor’, ovvero della singola recensione costruita sulla propria esperienza personale, adattandolo alle specifiche esigenze degli incontri per adulti. Escort Advisor permette quindi agli utenti di condividere le proprie esperienze positive e negative così da aiutare gli altri utenti a evitare sorprese e fregature dando voti con delle “stelline” (come su ‘Amazon’) sia complessive che su specifici parametri quali la professionalità e serietà o la corrispondenza dell’annuncio alla realtà. Questa mole di contenuti, oltre 150.000 recensioni raccolte in 4 anni, 40.000 solo negli ultimi 12 mesi, viene associata a ciascuna escort, così che oltre a poter navigare il sito per trovare le “migliori” (più corrette e professionali) nella propria città, l’utente possa verificare la veridicità degli annunci trovati su altri siti, inserendo il numero o il nome della escort nel motore di ricerca. Per evitare di ricadere nello stesso problema dei siti di annunci abbiamo anche creato 3 livelli di controllo editoriale: via software usando le migliori pratiche per verificare in modo automatico le recensioni, editoriale attraverso un team che ne controlla anche il contenuto e che rispetti il regolamento, interattivo, ovvero permettendo alle professioniste di iscriversi per segnalare o contestare recensioni false. In questo modo più del 30% delle recensioni che riceviamo viene eliminato perché irrilevante, fraudolento, contestato, così che nessuno possa usarle per manipolare in un senso o nell’altro i risultati. Questo è particolarmente importante considerato quello che è capitato a ‘Tripadvisor’ proprio in questo periodo. Questa percentuale di filtro è più del doppio di quella che viene stimata per le recensioni di Tripadvisor.

3) Un successo crescente: cosa rende Escort Advisor un prodotto così vincente?
Anche se è incredibile da credere per chi non ha mai frequentato un sito di annunci per adulti, fino al 60% degli annunci di escort e accompagnatrici contiene contenuti falsi: può trattarsi della foto, della descrizione, dei servizi offerti o del prezzo, ma in più di 1 caso su 2 quello che ci aspetta al di là della porta non corrisponde a quello che è stato pubblicizzato. Si tratta di una discrepanza che non ha paragone in nessun altro settore: pensi se un annuncio su due di auto usate pubblicizzasse una macchina diversa da quella inserita, o se un albergo su due una volta arrivati sul posto si rivelasse un 3 stelle anziché un 4 stelle. Incredibile no? Purtroppo è quello che capita nel 60% dei casi in questo settore. Escort Advisor è passato da una idea a 12 milioni di utenti unici in un anno perché le recensioni sono la miglior soluzione per risolvere questo problema. Basta aprire il sito, inserire il numero o il nome della escort nel motore di ricerca e grazie ai voti degli altri utenti, si può sapere se stai per commettere un errore o stai andando sul sicuro. Non è un forum da sfogliare per pagine e pagine per avere pareri diversi e discordanti, non è un blog di una singola persona, ma è la sintesi espressa in voti di decine di pareri di utenti reali. Piano piano poi, sempre più utenti stanno iniziando ad usare direttamente il sito per scegliere anziché basarsi sulle bacheche di annunci vecchio stile, proprio come succede per ‘Tripadvisor’ o ‘Booking’. Anziché scegliere per via delle foto e delle descrizioni, lo fanno basandosi sulle opinioni e sulle esperienze di altri utenti come loro.

4) E’ diventato anche un ottimo strumento di statistica vero? Che cos’è ‘EA Insights’?
Negli anni abbiamo sviluppato una posizione unica, di vero e proprio osservatorio del comportamento delle escort e dei loro clienti online: rispetto ad un sito di annunci infatti, grazie alle recensioni, Escort Advisor si riempie naturalmente di opinioni e dati forniti dagli utenti, che trattiamo, ovviamente nel pieno rispetto della privacy, così da avere un quadro più chiaro di quali sono i reali desideri e comportamenti. Da questo è nato il progetto ‘EA Insights’, per far luce su questo settore, che riguarda 12 milioni di persone ogni anno, non solo attraverso le recensioni, e quindi le singole esperienze, ma attraverso l’aggregazione dei dati, che ci dicono, per esempio quali giorni e mesi sono più gettonati da parte degli utenti. Oppure indicano quali città e province hanno la maggiore offerta di professioniste del sesso, oppure il maggior numero di ricerche online, o di visitatori. Per esempio abbiamo scoperto che circa il 70% degli utenti di una città cerca una escort in una provincia diversa dalla propria, con picchi ancor più alti a Milano e Roma; e che in media chi visita le pagine di una provincia sul nostro sito lo fa in occasione di un viaggio, collegandosi da un’altra. Crediamo fortemente che più luce e trasparenza siano necessari per rendere questo settore più sicuro per tutti, non solo per gli utenti, ma anche e soprattutto per le professioniste, abbiamo deciso di provare a fare la nostra parte rendendo fruibili a tutti i nostri dati.

5) Attualmente quanti dipendenti conta Escort Advisor?
Circa 20 dipendenti, fra figure di marketing, sviluppatori software, sistemisti e moderatori per le recensioni… le figure che servono per sviluppare e mantenere un sito interattivo, con diversi contenuti e con 1 milione e mezzo di utenti unici ogni mese.

6) Gli utenti: chi sono?
Circa l’88% degli utenti di Escort Advisor sono uomini, e 11% le donne (fonte Google Analytics). I gigolò recensiti sul sito rappresentano però rispetto al totale delle escort solo il 2% circa del totale. Circa il 70% dei visitatori hanno più di 35 anni, solo il 7% meno di 25, anche se la fascia maggiore (circa il 35%) ha fra i 35 e i 44 anni. Il livello sociale e culturale è incredibilmente vario, coerentemente con quanto rilevato da tutte le ricerche sul settore non esiste il “cliente tipo della escort”, ogni fascia di reddito e di livello socio culturale è rappresentato, l’offerta di servizi (anche online) va incontro a un ampio raggio di interessi e di capacità di spesa.

7) Che cosa vede nel futuro di Escort Advisor?
Escort Advisor è nato per far luce e creare maggiore trasparenza in un settore di cui si parla pochissimo nonostante riguardi oltre 9 milioni di clienti, oltre 60.000 professioniste ed abbia un giro d’affari di quasi 4 miliardi di euro, ovvero quasi il doppio del settore alberghiero in Italia. Vogliamo mantenere questa posizione di innovatori nel settore lanciando sempre nuovi strumenti e servizi sul sito per rendere ancora migliore l’esperienza di tutti coloro che lo usano. Il primo obiettivo è quello di proseguire su questa strada attraverso l’internazionalizzazione del progetto (abbiamo già lanciato il sito per la Spagna e l’Inghilterra) e lo sviluppo di partnership con organizzazioni come università, centri studi, associazioni di volontariato. Vogliamo fare in modo che Escort Advisor diventi, oltre ad un punto di riferimento per i clienti delle escort, anche un osservatorio permanente sugli aspetti sociali, economici, legali, statistici del fenomeno della prostituzione.

di Deborah Villarboito

Rispondi