Alessio e Giulia: in volo verso il sogno

Piccoli ginnasti crescono e crescono bene. Dalla stessa fucina di talenti, la Libertas Ginnastica di Vercelli, che ha dato lo slancio a Enrico Pozzo e al novello azzurrino Riccardo Barbieri altre due ‘storielle’ di sogni, sacrifici e sport nella purezza di come lo affrontano i bambini.

Alessio Minnucci ha 11 anni e ha iniziato a fare ginnastica quando aveva tre anni. Giovane e promettente si è classificato terzo agli ultimi Campionati Italiani nella categoria allievi: «La ginnastica mi è piaciuta da sempre, sia vederla, sia farla. Il mio attrezzo preferito è il cavallo, perchè mi viene facile girare i mulinelli – racconta Alessio, che è di poche parole ma sa quali sono i suoi obiettivi – Gli allenatori sono molto bravi, gli allenamenti sono duri perchè si fatica un po’ di più soprattutto il martedì ed il sabato mattina. Vorrei arrivare a fare le olimpiadi, da grande mi vedo come uno sportivo, come la mia ispirazione Enrico Pozzo. Ma prima vorrei arrivare ancora nelle finali Nazionali e vincere sta volta».
La serietà di Alessio Minnucci lascia posto alla vivacità di Giulia Perotti, 9 anni, che sale in pedana da quando ne aveva 5. Prima ai regionali e agli interregionali e seconda ai Campionati Italiani di categoria, può vantare già un futuro promettente: «Gli attrezzi mi piacciono tutti però i cinghietti no. Mi piacciono di più le parallele. A me piace muovermi e quindi da piccola ho deciso di provare ginnastica dalla prima volta che ho provato mi è piaciuto. Adoro il corpo libero. Mi piace fare le coreografie le diagonali, anche se sono le più difficili – spiega Giulia Perotti con la sua vivacità contagiosa – Da grande voglio fare la ginnasta e sogno l’Olimpiade come Giorgia Villa e Vanessa Ferrari».

di Deborah Villarboito

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: