Richiedenti asilo: è sempre braccio di ferro tra Francia e Italia

Richiedenti asilo: è sempre braccio di ferro tra Francia e Italia

25 Ottobre 2018 0 Di il Cosmo

di Maurizio Ambrosini
Università di Milano e CNEL –

Gli sconfinamenti dei gendarmi francesi che depositano migranti al di là della frontiera italiana sono diventati l’occasione per un nuovo scontro con Parigi e per una corrispondente esibizione di orgoglio nazionale ferito.

blur cartography close up concept

Photo by slon_dot_pics on Pexels.com

In realtà intorno all’accoglienza dei richiedenti asilo si consuma non da oggi una sorda e poco onorevole partita. Per anni l’Italia come la Grecia ha fatto da ponte per il transito delle persone in cerca di asilo verso l’interno del continente. Gli interessati del resto non chiedevano di meglio.  Milano negli anni di picco della cosiddetta crisi dei rifugiati funzionava da centro di snodo tra gli arrivi dal Sud Italia e le nuove partenze verso il Centro e Nord dell’Europa. Gli sbarcati venivano informalmente avviati alle stazioni e consigliati di prendere determinati treni a lunga percorrenza. Le autorità avvertivano Milano, dove si organizzava la prima accoglienza in stazione. Pochi giorni per i siriani, un po’ di più per gli eritrei. Il tempo di riprendere le forze, di trovare passatori affidabili, eventualmente di raccogliere il denaro necessario. Poi ripartivano. I rifugiati che si fermavano e venivano accolti a Milano erano una modesta frazione di quelli transitati.

Tra il numero di cittadini stranieri sbarcati in Italia dal mare e richieste ufficiali di asilo si produceva dunque un’ampia forbice. Questa nel tempo si è gradualmente ridotta.  La quota dei richiedenti asilo in Italia rispetto agli sbarchi è passata dal 37% del 2014 al 56% del 2015 al 68% nel 2016. Nel 2017 le richieste di asilo hanno addirittura superato gli sbarchi: 130.119 contro 119.310, a causa di arrivi dalle frontiere orientali e respingimenti da altri paesi  verso l’Italia.

Le ragioni di questo brusco cambiamento sono due: primo, l’accordo raggiunto in sede UE per l’istituzione dei cosiddetti hotspots nei luoghi di sbarco, con l’identificazione obbligatoria degli sbarcati e il prelievo anche forzoso delle impronte digitali. Secondo, i controlli rigidi attuati alla frontiera alpina dai nostri vicini.

Il corrispettivo dell’identificazione dei richiedenti asilo in Italia doveva essere la loro redistribuzione nell’UE secondo quote prestabilite. L’accordo prevedeva numeri precisi, pubblicati in un’apposita tabella. Subito dopo però i partners hanno cominciato a sfilarsi, gruppo di Visegrad e Regno Unito in testa. In sostanza gli accordi sono stati attuati a rilento, con circospezione e riluttanza. Dopo appena 13.000 ricollocamenti, il programma è stato ingloriosamente chiuso, mentre rimangono in vigore le convenzioni di Dublino che gravano sui paesi di primo ingresso. I governi dei paesi interni all’UE finora hanno il diritto dalla loro parte: sono legittimati a rimandare in Italia i profughi che sconfinano. Controllando in modo permanente i valichi di frontiera e i punti di passaggio interpretano invece le norme di Schengen in un modo che a molti giuristi appare illegittimo. Ma proprio dalle intercettazioni alla frontiera nasce la prassi di espulsioni rapide e informali, attuate dalle forze di polizia anche altrove, per esempio sui treni, senza passare attraverso le procedure previste.

Lo scandalo per lo sconfinamento dei gendarmi francesi non è dunque che l’ultimo anello di un sistema inadeguato di governo del diritto di asilo. Una disinvoltura procedurale nell’attuazione di espulsioni che i francesi avrebbero comunque il diritto di compiere.

Il vero problema sta invece altrove. I richiedenti asilo sono trattati da tutti i governi come rifiuti ingombranti da scaricare sul campo dei vicini, come merce imbarazzante senza nome e senza volto. E soprattutto senza facoltà di scelta. L’iniquità delle convenzioni di Dublino e dello stesso sistema delle quote consiste nel negare alle persone in cerca di asilo la libertà di ricostruire la loro vita dove pensano di poterci riuscire meglio, dove hanno parenti e amici o comunque intravvedono delle opportunità di futuro. Su questo principio umanitario il governo italiano dovrebbe dare battaglia all’UE, invece di accanirsi in scaramucce di frontiera che non produrranno un solo rifugiato in più accolto in Francia o in altri paesi.

di Maurizio Ambrosini
Università di Milano e CNEL