Noia, Internet e solitudine: l’adolescenza nel 2018

di Michela Trada –

Adolescenti ieri, adolescenti oggi: il mondo del 2018 è davvero più pericoloso di quello degli anni Settanta, Ottanta, Novanta? È la domanda che ci siamo posti alla luce dei recenti e tristi fatti di cronaca. Se è vero che la delinquenza è sempre esistita e che la “roba” gira in Italia dalla notte dei tempi, com’è possibile che certe situazioni accadano apparentemente all’oscuro da tutto e da tutti?

La morte di Desireè ha destato clamore, rabbia, indignazione, frustrazione, dolore; non ha senso perdere la vita in questo modo a soli sedici anni. Cosa spinge una studentessa ad addentrarsi nel covo di spacciatori e di bande criminali alla ricerca di crack e schifezze letali? Perché a Roma tutti erano a conoscenza del degrado nel quartiere San Lorenzo e si è attesa la tragedia per prendere provvedimenti?

Ciascuno di noi ha raccontato balle ai nostri genitori almeno una volta nella vita; possibile, però, visti i presunti precedenti della giovane, che mamma e papà si siano fidati ciecamente delle sue parole? In questo numero vi accompagniamo alla scoperta dell’universo dei Millenials attraverso la loro voce ed anche con le testimonianze di illustri sociologi ed educatori.

Rispondi