Champions ed Europa League, ecco il quarto turno

di Franco Leonetti –

Ritornano le coppe europee e il menù a cui assisteremo è davvero ricco, gustoso, e possiede i crismi della decisività. Si avvicinano le conclusioni dei gironi e i primi verdetti potrebbero già giungere. La Roma affronterà in casa, all’Olimpico, lo spauracchio Real Madrid, del neo allenatore Solari. Entrambe le squadre godono di una bella graduatoria, 9 punti ciascuna e si avviano a superare a braccetto lo scoglio del girone, Cska di Mosca e Viktoria Plzen non paiono avere armi sufficienti per insidiarle. La Juventus, dopo la sconfitta interna subita con il Manchester United, tanto immeritata quanto fragorosa, ha la possibilità di chiudere i giochi o quasi. Allo Stadium arriva il Valencia, avversario ostico che però i bianconeri hanno già sconfitto all’andata per 2-0, quando si trovarono a giocare in 10 contro 11 per l’assurda espulsione comminata a Ronaldo.

Un successo degli uomini di Allegri varrebbe la qualificazione automatica agli ottavi di Champions, con il primo posto da giocarsi con lo United, attardato di due punti dalla vetta rispetto a Chiellini e compagni, insomma alla Juve serve un solo risultato, vincere. Il Napoli affronterà in casa la Stella Rossa di Belgrado, partita delicatissima soprattutto per gli equilibri di classifica. La graduatoria, infatti, vede gli uomini di Ancelotti capeggiare il raggruppamento con 6 punti insieme al Liverpool, il Psg a 5 e la Stella Rossa a 4, ai partenopei serve sfruttare al meglio il turno casalingo, per poi recarsi a Liverpool nell’ultimo turno e giocarsi le chance, magari potendo fare qualche calcolo: tutto passa dai 3 punti da conseguire al San Paolo, altrimenti la situazione potrebbe ingarbugliarsi.

L’Inter, invece si recherà a Londra, per giocare nel mitologico Wembley un match che mette a disposizione di Spalletti e i suoi, ben due risultati su tre. Il Tottenham è squadra in ripresa e spingerà al massimo per ottenere la posta piena, non avendo altre alternative da giocarsi per l’eventuale qualificazione, l’Inter, dal canto suo è seconda in graduatoria con 7 punti al cospetto del Barcellona con 10, mentre gli inglesi sono fermi a quota 4. Sfida decisiva, non ci sono altri termini per definirla. Anche l’Europa League riparte e vedrà Lazio e Milan impegnate sul campo. I capitolini si sono già assicurati la promozione alla fase successiva, con l’Eintracht, così Simone Inzaghi sfrutterà il match per mettere alla prova le nuove leve in rosa, essendo ininfluente il risultato, mentre il Milan avrà tutta la pressione sulle sue spalle. Gattuso, oppresso da tanti infortuni, dovrà schierare la miglior formazione per dare una sterzata definitiva alla classifica, vincere contro i lussemburghesi del Dudelange, squadra materasso del gruppo, e poi giocarsi tutto nell’ultimo match ad Atene contro l’Olympiacos, augurandosi che il capoclassifica, Betis di Siviglia, riesca a erodere punti agli avversari biancorossi greci. Insomma, sfide importanti, emozionanti, esaltanti, come solo le coppe europee sanno essere. In bocca al lupo a tutte le squadre tricolori impegnate, sarebbe bellissimo poterle ritrovare tutte insieme nel tabellone delle due competizioni continentali.

Rispondi