In vista delle feste, la dieta pre natalizia

In vista delle feste, la dieta pre natalizia

22 Novembre 2018 0 Di il Cosmo

di Sabrina Falanga –

Cene aziendali, feste in famiglia, pranzi tra amici: quello Natalizio è uno dei periodi dell’anno in cui più si sommano le occasioni per ritrovarsi a tavola, tra affetti e affettati. Il rischio? Quello, ovviamente, di ingrassare: che è, senza dubbio, la paura della maggior parte delle persone quando pensa a dicembre.
Ma se è vero il detto “meglio prevenire che curare”, partiamo in tempo: dopo le feste avremo sicuramente tempo e modo di rimetterci in riga, riprendendo a curare la nostra alimentazione, ma possiamo agire anche prima per limitare i danni.

Vediamo come, nella rubrica del dott. Massimiliano Ciarmatori intervistato dalla nostra giornalista Sabrina Falanga.

Già dalla fine di novembre sarebbe bene approcciarsi a una dieta ipocalorica, affinché gli eccessi natalizi (che, va detto, bisogna godersi!) non si trasformino in chili aggiuntivi per i quali faticare successivamente: mediamente, si prendono tra i 2 e i 4 chili nel periodo delle feste. Nulla di grave, né di irrisolvibile, ma nulla vieta di dire che evitarli sarebbe meglio.

Dalla seconda metà di novembre, quindi, via a minestroni di verdure – con l’aggiunta, a piacere, di 40/50 grammi di pasta -, conditi da un cucchiaino di olio extra vergine d’oliva a crudo e una spolverata di parmigiano: un piatto, questo, da consumare fino a tre volte a settimana, ricco di nutrienti importanti e con una forte capacità saziante ma un ridotto apporto calorico.
Preferiamo, poi, le proteine (in vista del carico di carboidrati che faremo): sì ad hamburger di pollo e tacchino, quelli di manzo una volta a settimana, uova, formaggi light (ricotta, spalmabile, quark, fiocchi di latte…) e pesce (tonno, salmone, orata…); come contorno, le verdure sono sempre un’ottima soluzione. Se desideriamo accompagnare i piatti con del pane, scegliamo quello di segale o integrale.
Consumiamo la frutta a colazione o durante gli spuntini, evitando possibilmente di introdurla a pranzo e cena. In questo periodo, tra l’altro, gli agrumi hanno sapori eccezionali e sono ricchi di vitamine utili a non farci ammalare. Via libera, quindi, a mandarini, arance (con cui fare anche ottime spremute la mattina) e melograni. Alla frutta possiamo accompagnare, se piace, yogurt di soia o gelato di soia.
Evitiamo il più possibile i dolci: ne faremo il pieno, di lì a poco, quindi è un sacrificio accettabile. Idem per le cotture: no a fritti e condimenti extra, a favore di vapore, griglia e bollitura.

Armiamoci, infine, di un bicchiere e una tazza: beviamo molta acqua ogni giorno e accompagniamo le nostre giornate fredde con tè, infusi e tisane, che oltre a scaldarci ci aiutano a sgonfiarci.