‘Notting Hill’: quanti fidanzamenti e matrimoni sul set del film romantico

‘Notting Hill’: quanti fidanzamenti e matrimoni sul set del film romantico

27 Novembre 2018 0 Di il Cosmo

Quanti hanno visto e ricordano ‘Notting Hill’? I più romantici sicuramente sì. E sapranno che sta per scoccare il ventennale dell’uscita nelle sale della pellicola con Hugh Grant e Julia Roberts. Quello che forse non sanno è che, un po’ come successe con i lucchetti di Ponte Milvio, la libreria che faceva da sfondo alle vicende del film viene scelta sempre di più da chi vuole chiedere alla sua anima gemella la mano. Insomma, le dichiarazioni di matrimonio, non si sa se in ginocchio o meno, avvengono in questo luogo.

“Negli ultimi cinque anni, abbiamo registrato un aumento di richieste di questo genere” fa sapere James Malin, co-proprietario insieme al fratello Howard, da dieci a questa parte, della libreria al numero 13 di Blenheim Crescent. Sul ‘Telegraph’ aggiunge: “Vengono da ogni parte del globo. Abbiamo avuto persone dall’Australia, dall’America, dalla Cina e dal Giappone”.

Per i 20 anni è presumibile che ci saranno parecchi fidanzati qui in pellegrinaggio. Location romantica, anello in una mano: impossibile resistere. Anche se non si è Hugh Grant e lei non è Julia Roberts. Per rinfrescarvi la memoria, in ‘Notting Hill’ lei era un’attrice annoiata dalla vita e lui un libraio occhialuto, un po’ imbranato e timido. Due che chi l’avrebbe mai detto che poi si sarebbero innamorati, almeno nel film?

La libreria in questione, la ‘Travel Book e co.’, compare prima nel romando di Richard Curtis e poi nel film ispirato al libro e diretto da Roger Mitchell. Non ci arrivano solo gli innamorati, ma pure turisti e curiosi. “Nel corso del tempo abbiamo incontrato molte persone importanti” ammicca James Malin. “Tanto è vero che cerchiamo di accontentare tutte le loro richieste. Le coppie che si vogliono sposare qui arrivano da ogni parte del globo. Per molti è considerato un luogo magico, il tempio dell’amore”.

Una coppia in luna di miele è tornata qui e ha indossato gli abiti da cerimonia pur di farsi una foto indimenticabile: “Non solo matrimoni, ma anche strane e folli proposte di matrimonio. Un giovane ha nascosto in un libro di Harry Potter l’anello di fidanzamento per la sua compagna. Mi diceva che voleva fare qualcosa di bello per la sua dolce metà”.

E pensare che nel 2011 questa libreria rischiò di chiudere. Non per togliere romanticismo alla questione, ma la libreria vista nel film non è quella originale. Per le riprese, infatti, gli interni vennero ricostruiti grazie a un negozio di antiquariato nei pressi di Portobello. Poco male. William e Anna (che era ufficialmente fidanzata con Alec Baldwin nella pellicola, prima di cedere all’occhialuto libraio) si innamorarono lì. E per chi oggi vuole rivivere quel momento magico, questo è il luogo adatto.

di Alessandro Pignatelli