La Juventus vince a Firenze e fugge via

La Juventus vince a Firenze e fugge via

6 Dicembre 2018 0 Di il Cosmo

di Franco Leonetti –

 Dicembre è appena iniziato ma la musica in campionato non muta. La capolista Juventus vince anche a Firenze e diventa un rullo compressore di dimensioni quasi inspiegabili, 13 sfide su 14 vinte, tutti gli avversari provano ad intralciarle il cammino verso l’ennesimo record e l’ennesimo tricolore, ma al momento i risultati sono vani: nessuno ci riesce, almeno ad ora. Il monologo bianconero prosegue e venerdì sera a Torino va in scena la sfida con l’Inter, mille motivazioni dietro l’angolo, per entrambe le squadre, mille fattori stimolanti per le due casacche.

Sarà il super big match della quindicesima giornata, inutile sottolinearlo. Inter che insegue la vetta staccata di ben 11 lunghezze, nonostante la buona prova contro la Roma all’Olimpico, con i giallorossi in grande spolvero, scippati letteralmente di un rigore macroscopico non visto dal Var. A che serve l’uso della tecnologia se non si riesce ad ovviare ad errori così marchiani e fragorosi, perpetrati sul campo? Il Milan, tra infortuni e squalifiche, fa un balzo in avanti, Gattuso carpisce il quarto posto a fari spenti, complice lo stop della Lazio che non va oltre il pareggio a Verona, e farà di tutto per mantenere la posizione fino a fine stagione: questo il vero obiettivo del club rossonero.

Anche il Torino di Mazzarri, bentornato in panchina Mister, fa un salto in avanti importante, e si installa al sesto posto con panorama a vista sulle coppe europee, con solo un punto di vantaggio su una Roma che è parsa pronta a risalire la china, gli uomini di Di Francesco hanno la metà dei punti della Juve, ma distano solo 5 punti dalla quarta piazza. Sassuolo e Parma, binomio emiliano, vanno a braccetto a 20 punti, mentre la Sampdoria di Giampaolo, finalmente torna alla vittoria dopo 3 sconfitte e un pareggio nel derby della Lanterna. In coda la situazione appare sempre più fluida, il Chievo ferma anche la Lazio, dopo il pari inatteso di Napoli e si porta a 2 punti in graduatoria, il Frosinone fa x sulla schedina e sale a 8, intravedendo il Bologna ad 11, con un Inzaghi assai adirato che porterà tutti i suoi in ritiro. Posizione pericolosa e pericolante quella dei felsinei, Empoli e Udinese tengono la testa appena fuori dal pelo delle acque limacciose con 13 punti, Spal a 14, un Genoa che non sa più vincere a 15, e occhio alla posizione di Mister Juric, mentre il Cagliari appare più sereno a 16.

Il prossimo turno, oltre alla supersfida di Torino, di cui abbiamo giù detto, presenta sfide stuzzicanti: Milan-Torino mette in palio una posta per l’Europa, Genoa-Spal, Empoli-Bologna, Parma-Chievo, Udinese-Atalanta, sono mattoncini per cercare di costruire una salvezza ambita da tante squadre, pronostico chiuso per il Frosinone che va a Napoli, da osservare Lazio-Sampdoria e Cagliari-Roma, con una Fiorentina che va a sfidare i neroverdi del Sassuolo al Mapei Stadium. Buon campionato a tutti.