Natale 2018: 330 euro a testa per i regali

Natale 2018: 330 euro a testa per i regali

13 Dicembre 2018 0 Di il Cosmo

di Alessandro Pignatelli –

“A Natale si può dare di più”. Così dice un jingle divenuto ormai famoso. Ma si può anche spendere di più o la crisi continua a rendere il braccino degli italiani corto anche nella festa che, per eccellenza, è quella in cui ci si scambiano più regali. Compass ha presentato l’Osservatorio che dice che spenderemo 178 euro pro capite per il regalo alla persona che consideriamo più importante. E se gli uomini vedono nell’amata questa figura (56%), le donne hanno un occhio di riguardo per i propri figli (41%).

La spesa complessiva media sarà di 330 euro, ma il 43% del campione non si spingerà oltre i 250 euro, il 21% supererà anche la soglia dei 500 euro. Non dimentichiamo che il 60% degli italiani ha approfittato del ‘Black Friday’ per anticipare le compere natalizie, mettendo insieme così un po’ di risparmio di soldi e di tempo. Curiosità è sapere cosa va per la maggiore a Natale 2018.

Abbigliamento, calzature e accessori sono al primo posto con il 40%, poi libri e riviste al 31%, il 28% acquisterà regali per i più piccoli, quindi sostanzialmente giocattoli. Non pensiate che l’hi-tech sia stato dimenticato e, in questo settore, a prevalere è lo smartphone (53%), seguito da prodotti informatici (14%) e grandi elettrodomestici del lavaggio (12%).

La stessa percentuale che riguarda abbigliamento, calzature e accessori è quella di chi vorrebbe ricevere un regalo di questo tipo (40%). Rispetto al 2017, c’è un deciso aumento di chi, sotto l’Albero, vorrebbe trovare viaggi e biglietti aerei. Il 36% dei nostri connazionali pensa che Natale sia l’occasione giusta per ricevere un po’ di coccole sotto forma di relax fuori dal luogo in cui vive. Al terzo posto ci sono i prodotti informatici, che il 28% degli intervistati vorrebbe ricevere il 25 dicembre.

Oramai l’acquisto online è stato abbondantemente sdoganato, anche grazie ai tanti siti che offrono questa possibilità. Così, il 30% degli italiani ha fatto sapere che comprerà proprio così il regalo. In particolare viaggi, biglietti per concerti ed eventi, prodotti informatici e multimediali, che sono videogiochi, film, musica. Siamo però ancora un popolo che preferisce vedere e toccare con mano ciò che poi incarterà o si farà incartare per l’amico, il familiare o il parente: il 31% si recherà in negozio proprio per questa voglia di scegliere dal vivo e non dallo schermo di un device, il 21% per avere a disposizione subito ciò che ha scelto, senza dover attendere che la spedizione abbia esito. Perché, in fondo, restiamo un popolo impaziente. Che se mette sotto l’Albero qualcosa, poi fa fatica ad aspettare proprio il 25 dicembre per aprire e scoprire.