Top e Flop… Luci e ombre del Campionato

di Franco Leonetti –di Franco Leonetti

La rubrica per focalizzare e imprimere nella memoria i momenti più belli e quelli più ombrosi che il campionato di calcio regala ai tifosi ad ogni turno, Una sorta di promemoria in pillole, per rivivere, in un flash, la giornata appena trascorsa.

Top

• Milik salva il Napoli da un pareggio sicuro a Cagliari con una punizione eccellente che s’infila nel sette della porta difesa da Cragno. Gol di grande pregevolezza.

• Dabo gioca poco e segna ancora meno con la suaFiorentina, ma il gol inflitto all’Empoli è di rara bellezza, scatto sulla trequarti, fuga veloce e rasoiata in porta a gonfiare la rete dove il portiere non può arrivare. 3-1 per i viola nel derby toscano

• Kluivert (Roma) da un saggio delle sue grandi qualità siglando una segnatura che racchiude il suo bagaglio tecnico: scatto bruciante, padronanza del pallone, precisione nel tiro ad incrociare. Gol da mostrare nelle scuole calcio.

• Piatek segna ancora e rimane in vetta alla classifica dei bomber di Serie A: la sua rete però non evita la sconfitta aRoma del suo Genoa.

• Quagliarella non è più un ragazzino, 36 anni il 31 gennaio, ma continua imperterrito a bucare i difensori avversari: già 9 successi personali in questa stagione in maglia blucerchiata

Flop

• La sciocchezza di Zaza, retro passaggio sciagurato, in coabitazione con la lentezza di Ichazo nell’intervento che stende Mandzukic, costano al Torino il derby della Mole contro la Juventus. Con Ronaldo che realizza dal dischetto con un tiro non irresistibile e intercettato. Poi l’episodio del colpo di petto al portiere granata, gesto da evitare.

• Il fallo di Florenzi sul finale di Roma-Genoa doveva essere sanzionato con un rigore per i liguri. Il Var nemmeno interviene e Prandelli, mister rossoblù non le manda a dire nel post partita. Cosa guardavano gli arbitri in sala Var?

• Il Frosinone cade ancora in casa contro il Sassuolo e il suo allenatore Longo, stavolta, rischia seriamente di essere esonerato.

• Dopo Firenze, altre scritte disgustose fuori dallo stadio Grande Torino nei confronti delle Vittime del Heysel, proprio vero che al peggio non c’è mai fine…

Rispondi