Presentazione in Senato di un progetto a sostegno dei lavoratori della cultura e dello spettacolo

di Luca Forlani –

Lo scorso 20 dicembre la Sala Caduti di Nassirya ha ospitato la conferenza stampa del progetto etico “Con il sole sul viso”, ideato dal soprano e attice Alma Manera.

A porgere i saluti istituzionali il Senatore Maurizio Gasparri che ha sposato l’iniziativa ed è sostenitore della proposta di legge per l’Istituzione di un Fondo Nazionale per il Sussidio Temporaneo a chi lavora nel settore artistico-culturale e della comunicazione. “Questa proposta di legge nasce dalla constatazioneche persiste uno stato di necessità autentica per la sopravvivenza di coloro che vivono solo della propria “arte”, siamo profusori di sogni, emozioni e produciamo economia”, afferma Alma Manera.Laproposta legislativa prevede l’istituzione di un fondo permanente, con una dotazione di cento milioni annui, presso il Ministero dei Beni e le Attività Culturali, da destinare come sussidio temporaneo a tutti i lavoratori dei settori artistico-culturali e della comunicazione, in particolare autonomi e con partita IVA, che non possono accedere ad alcuna forma di assicurazione sociale in caso di disoccupazione temporanea. Il testo prevede, inoltre, che chi fa domanda per il sussidio venga inserito anche in un apposito elenco, tenuto dal dicastero della Cultura. Questo per agevolarne il reinserimento nell’ambito lavorativo indicato dal richiedente il sussidio.

Il Senatore Maurizio Gasparri nel corso della conferenza ha così sottolineato il valore dell’iniziativa: “il fondo da cento milioni di euro da istituire presso il Ministero della Cultura e dei Beni Culturali rappresenta un passo importante per andare realmente incontro a delle importanti realtà professionali del nostro Paese oggi prive di tutele concrete in caso di temporaneo bisogno”.

Parlamentari appartenenti a diversi schieramenti politici hanno espresso grande interesse per il disegno di legge che vede come cofirmatari i senatori Francesco Maria Giro, Adolfo Urso, Antonio Saccone e le senatrici Isabella Rauti e Maria Rizzotti. Quest’ultima nel suo intervento in conferenza ha definito l’iniziativa: “un doveroso riconoscimento al mondo artistico culturale che rappresenta un comparto importantissimo della nostra società e che dobbiamo ringraziare. Basti pensare a quanti sono gli artisti che sostengono tante iniziative di solidarietà anche negli ospedali vicino ai bambini ed alle persone sofferenti”.

È intervenuto anche il Vice Presidente A.F.I. Gianni di Sario, affermando la validità delle proposte del progetto “Con il sole sul viso” e l’importanza del messaggio che la musica esprime. A sostegno dell’iniziativa anche Antonello Crucitti Responsabile dell’Associazione Famiglie Numerosepapà di ben 11 figli. Importante il contributo delle altre autorevoli voci come il Senatore Adolfo Urso: “ l’industria della cultura è di fatto il cuore del “Made in Italy”, anche quando si tratta di prodotti manifatturieri. È stile, creatività, ingegno, qualità, eccellenza. Per questo va preservata perché ne beneficia l’intera nazione e ne configura la propria identità”. Il Presidente della commissione cultura della Regione Lazio, Pasquale Ciccarelli, rinnova il suo apprezzamento per le iniziative future: “si tratta di un’importante iniziativa che persegue l’obiettivo di valorizzare il merito e le competenze, l’impegno e la tenacia a far esprimere le energie migliori e ad aiutare le capacità di comunicazione ed espressione di tutte le forme di differente abilità. Essa merita la massima attenzione delle istituzioni e la vasta rappresentanza delle stesse”. Assente per motivi famigliari il coreografo Franco Miseria che ha però inviato un messaggio: “l’arte e la cultura sono motori indispensabili in uno Stato che vuole essere civile. Il lavoro d’impresa va incentivato così come l’occupazione. Vivo ogni giorno la realtà della Danza, del Teatro e cerco di dare speranza ai giovani talenti che incontro e che mi interrogano e si interrogano sul futuro. Gli artisti, i comunicatori hanno necessità di esprimersi, vanno garantiti”.

La “Comunità Incontro” rappresentata dal Dott. Nannini ha raccontato il grande lavoro di terapia di recupero per i giovani vittime della droga e quanto il suo fondatore Don Pierino Gelminitenesse alla musica e alle arti come veicolo di messaggi positivi e strumento di riabilitazione per ritrovare la gioia dell’incontro con la vita.

Le arti e la cultura ci rendono persone migliori ed è necessario che le Istituzioni garantiscano ad artisti e intellettuali una sopravvivenza più che dignitosa. Il mondo dello spettacolo e della comunicazione non è formato solo da (poche) stars super pagate ma da innumerevoli lavoratori che necessitano di tutele soprattutto nei periodi di disoccupazione. In questo senso, l’attività di “Con il sole sul viso” e la proposta di Legge presentata in Senato appaiono di fondamentale importanza.

Rispondi