La responsabilità di essere genitori

La responsabilità di essere genitori

10 Gennaio 2019 0 Di il Cosmo

di Michela Trada –

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità: così Ben Parker ammoniva il nipote Peter, alias Spiderman. Per essere genitori non occorrono, forse, delle forze soprannaturali ma, di certo, una superiore dose di responsabilità; troppo spesso, oggi, troviamo sui mass media notizie che fanno rabbrividire, riguardanti bambini e adolescenti, tragedie annunciate che di senso ne hanno davvero poco.

Essendo mamma di una splendida bimba di sei anni, questo argomento mi sta particolarmente a cuore e non posso rimanere indifferente quando mi giungono all’orecchio certe meste informazioni. Mi chiedo, quindi, cosa spinga una madre a buttarsi giù con la propria piccola in grembo da una pista nera con uno slittino. Lasciamo perdere per un attimo la questione “cartello informativo in tedesco”, è il principio che la mia mente non comprende: su quel tratto di neve la donna non sarebbe nemmeno dovuta arrivare (su determinate piste si va solo con gli sci nei piedi).

Il confine tra il divertimento e l’irresponsabilità è sottile: un genitore deve saperlo cogliere. Sempre. A costo di ottenere in cambio musi lunghi, proteste e capricci. Per non parlare poi degli incidenti che avvengono al parco quasi quotidianamente poiché “distratti” dal telefonino (a Tel Aviv una bimba è mancata mentre faceva il bagnetto poiché sembrerebbe che la madre l’avesse lasciata da sola in vasca per controllare Facebook).

Mamma e papà hanno anche l’obbligo di vigilare sui posti che frequentano i loro ragazzi “cresciuti”, di osservare come si vestono quando escono di casa e con chi e di insegnare loro il rispetto, degli altri e della cosa pubblica. Genitori non si nasce, genitori si diventa e non basta mettere al mondo un figlio per esserlo.