La SuperCoppa la vince la Juventus

di Franco Leonetti –

La Juventus vince la SuperCoppa italiana a Gedda. La 31°edizione del trofeo è appannaggio della formazione di Allegri, al cospetto di un Milan battagliero ma inferiore alla corazzata bianconera sul prato verde. La Juve si porta a casa partita e incontro meritatamente, rimpinguando così la sua già ampia bacheca. Stadio gremito in ogni ordine di posto, bella atmosfera, le polemiche sterili e strumentali alle spalle, con la Juve che parte lenta, tentando di trovare il giusto pertugio per perforare la difesa rossonera.

Il trio avanzato delle meraviglie, D. Costa, Dybala e Ronaldo non brilla particolarmente nel primo tempo, solo il brasiliano appare elettrico, la Juve costruisce tre nitide palle gol con Costa, tiro a giro, Cancelo diagonale fuori di un soffio e Ronaldo che schiaccia a terra, il Milan si fa vedere sul finale di tempo con un tiro di Calhanoglu ben parato dall’estremo difensore juventino. La Juventus sfoggia possesso palla, recupera palloni, si proietta sulle fasce ma il giro della sfera appare troppo lento, senza tralasciare che in una ripartenza in superiorità numerica Ronaldo spreca il passaggio risolutivo. Il Milan traccheggia, non vuole scoprirsi e chiude gli spazi, cercando il contropiede manovrato.

Nella seconda frazione, il Milan parte meglio, traversa di Cutrone ma la Juve reagisce subito e perviene alla rete-vittoria con pennellata perfetta di Pjanic e Ronaldo che incorna in gol. L’espulsione di Kessie mette fine al match, la Juve controlla la partita non da manuale come vorrebbe Allegri, rischiando qualcosina e beccandosi gli strilli del suo allenatore, ma porta a casa la vittoria pur non disputando una gara brillantissima, in fondo a Gedda c’erano 30 gradi, con un’escursione termica patita, di almeno 25 gradi in un paio di giorni tra l’Arabia e Torino.

Al King Abdullah Sports City Stadium trionfa la Juventus che supera il Milan nella speciale classifica delle Supercoppe italiane vinte, diventando primatista anche in questo trofeo. Cristiano Ronaldo si conferma l’uomo delle coppe, buona la sua partita, match winner di una Juventus che guarda avanti verso altri obiettivi importanti da portare sottobraccio, in aereo, a Torino. Il primo trofeo della stagione è tinto di bianconero, che possa essere di ottimo auspicio per il prosieguo di una stagione ricca di speranze, traguardi e sogni che i tifosi invocano da oltre due decadi.

Rispondi