Alice in Wonderland

Alice in Wonderland

24 Gennaio 2019 0 Di il Cosmo

di Luca Forlani –

La ginnastica acrobatica, la recitazione e la danza danno vita a uno spettacolo stupefacente. Dal 25 gennaio al Teatro Brancaccio di Roma andrà in scena una versione davvero inedita della fiaba Alice nel paese delle meraviglie. È Roma ad accogliere la prima data del tour europeo del Circus-Theatre Elysium, un circo collettivo che abbraccia i più esperti produttori, i migliori registi e attori. Uno spettacolo unico al mondo dove un cast di trenta atleti acrobati e ballerini professionisti racconterà attraverso la più innovativa delle arti circensi la fiaba che tutti conosciamo. Alice in Wonderland resterà in scena per due settimane. Un progetto artistico sofisticato ed elegante capace di raccontare l’onirico intrecciando molteplici discipline.

Uno spettacolo teatrale basato sulla leggendaria storia di Lewis Carroll. I personaggi – Alice, il Cappellaio Matto, il Coniglio, il Gatto del Cheshire e la Regina Nera – appariranno davanti al pubblico nella loro interpretazione circense, sullo sfondo di sensazionali scene 3D.

La storia di Alice si arricchisce del racconto dell’innamoramento tra la ragazza e il Principe Azzurro. E come in tutte le storie d’amore che si rispettino entrambi gli eroi devono superare ostacoli inimmaginabili.

Il Circus-Theatre Elysium è stato fondato nel 2012. Tutto è iniziato con pochi numeri, riuniti sotto il titolo Fairytale Show. Uno spettacolo sold-out in Ucraina – patria natia della compagnia – che si è poi trasformato in Alice in Wonderland, appaludito oggi in Russia, Bielorussia, Francia e Cina.

Un progetto artistico, nato dall’ispirazione di Oleg Apelfed, capace di raccogliere intorno a sé un cast di professionisti di respiro internazionale. Ecco un circo moderno ricco di sfaccettature e possibilità di rappresentazione scenica.

Il progetto è portato avanti anche grazie al sostegno di Maria Remneva, direttrice del Circo Nazionale dell’Ucraina che, con più di vent’anni di esperienza, ha vinto molteplici premi. Remneva è stata anche la vincitrice della competizione internazionale degli artisti circensi a Parigi.

Questo connubio di arti dà una nuova forma alla favola che tutti conosciamo. La versione del Circus-Theatre Elysium ha una forte impronta cinematografica. Sono, infatti, le immagini a prevalere. Le parole davanti a una magia di tale portata non servono. Colpisce la bravura tecnica e interpretativa degli interpreti, molti dei quali sono atleti e non artisti. Uno spettacolo internazionale capace di riunire tutta la famiglia. Il debutto romano sarà seguito da un tour in tutta Europa. Le favole più belle sono quelle che non smettono mai di emozionarci. E forse “il paese delle meraviglie” raccontato nella storia è molto simile allo spettacolo in scena al Brancaccio.