Aids: italiano il vaccino che taglia del 90% il serbatoio del virus Hiv inattaccabile

Aids: italiano il vaccino che taglia del 90% il serbatoio del virus Hiv inattaccabile

13 Febbraio 2019 0 Di il Cosmo

L’Italia è in prima linea per la ricerca contro l’aids. La dimostrazione arriva dall’ultimo vaccino messo a punto da Barbara Ensoli, dell’Istituto superiore di sanità. Si chiama Tat e viene somministrato a pazienti in terapia antiretrovirale (cArt). E’ in grado di ridurre del 90 per cento il “serbatoio di virus latente”, altrimenti inattaccabile dalla sola terapia. La ricerca è stata lunga, di otto anni, ma ora ha avuto l’onore della pubblicazione su ‘Frontiers In Immology’.

È una grande notizia naturalmente per i pazienti, per la medicina mondiale ed è un ottimo riconoscimento ai cervelli che non sono fuggiti dall’Italia. Inutile dire che il Tat apre nuove prospettive per l’Hiv e l’aids. “E’ una cura in grado di controllare il virus anche dopo la sospensione dei farmaci antiretrovirali”. Che essendo farmaci a lungo andare sono tossici per l’organismo. Il vaccino arriva a migliorare la qualità della vita dei pazienti, cosa importantissima soprattutto se ci troviamo davanti a bambini e adolescenti infetti. “L’obiettivo, in prospettiva, è arrivare all’eradicazione del virus”. Obiettivo che solo qualche lustro fa sembrava utopistico.

Lo studio è stato condotto in otto strutture italiane: il San Raffale e il Sacco di Milano, il San Gerardo di Monza, l’ospedale universitario di Ferrara, il Policlinico di Modena, l’ospedale S.M. Annunziata di Firenze, l’Istituto San Gallicano – Istituti Fisioterapici Ospitalieri di Roma, il Policlinico Universitari di Bari. Sono stati monitorati a lungo termine 92 volontari vaccinati. L’Istituto superiore di sanità ricorda come “la ricerca di una cura dell’Hiv, insieme alla prevenzione, è un’assoluta priorità della comunità scientifica internazionale, anche per le vaste risorse che l’Hiv/Aids sottrae alla lotta alla povertà e alle ineguaglianze nel mondo”.

Tra il 2000 e il 2015, il costo della lotta all’Hiv è stato stimato in 563 miliardi di dollari. Altri studi hanno parlato di -0,5% e -2,6% per anno l’impatto negativo sul Pil nei Paesi africani, con perdite di 130 – 150 miliardi di dollari l’anno. “Cifre enormi che impongono urgenti e innovative soluzioni terapeutiche per l’Hiv/Aids”.

di Alessandro Pignatelli