Torino: guarda la partita mentre guida il tram

Con le mani (forse) guidava il tram, ma gli occhi erano inchiodati sul cellulare posizionato sul cruscotto. Un autista di Torino è stato incastrato da un video di uno studente. L’episodio è accaduto sulla linea 3. In tv quella sera c’era Napoli-Torino ed evidentemente l’autista non era riuscito a cambiare turno. Così ha escogitato lo stratagemma e tutto sarebbe andato bene non fosse stato per il ragazzo ‘impiccione’.

Il video ora mette seriamente nei guai l’uomo, che dovrà presentarsi davanti ai vertici della Gtt, il Gruppo Torinese Trasporti, e dare spiegazioni. Com’è possibile che fosse alla guida e guardasse il telefonino nello stesso momento? Mettendo così a repentaglio la vita dei passeggeri e anche la sua. La linea 3, a Torino, fa la spola tra corso Regina Margherita e il quartiere delle Vallette.

Lo studente, che di nome fa Jamal, ha dichiarato alla Stampa: “Mi sono messo a filmare perché ho visto che ogni tanto lui buttava l’occhio sul telefono che aveva incastrato dietro ai comandi. E non è mi è parso un comportamento molto responsabile da parte di chi sta guidando un tram”. Il video è stato postato poi sui social.

Jamal ha aggiunto: “Non posso dire che, pur distratto dalla partita, quell’uomo abbia compiuto manovre brusche o azzardate. Mi sembra però grave il fatto e per questo motivo l’ho documentato”. Migliaia le visualizzazioni ricevute su Facebook, tra cui molte proteste naturalmente. Autista alla gogna, al punto che l’amministratore delegato del Gtt, Giovanni Foti, non ha alcuna intenzione di passarci sopra.

“Il manovratore è stato rintracciato, sarà sentito dai responsabili del servizio e verrà aperta un’inchiesta. E’ una violazione gravissima a discapito dei passeggeri”. Saranno sicuramente presi provvedimenti disciplinari nei confronti dell’indisciplinato (e troppo tifoso) autista. Fortunatamente non ci è scappato l’incidente. Forse perché l’autista già lo aveva fatto altre volte? O perché ha avuto la fortuna del principiante?

di Alessandro Pignatelli

Rispondi