Torna la Nazionale di Mancini: qualificazioni europee

di Franco Leonetti –

La Nazionale di Mancini inizia il suo percorso verso l’Europeo del 2020. L’obiettivo è chiaro e si chiama qualificazione per Euro 2020, per dimostrare la crescita degli azzurri, parsa già evidente nella Nations League. L’Italia manciniana si prepara a mettere in atto la prima fase della sua rinascita, con l’ambizione di cancellare nella mente dei tifosi la vergogna della non partecipazione all’ultimo Mondiale, insomma il nuovo gruppo è chiamato a conquistare un posto per i prossimi Campionati Europei. 3 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte lo score maturato fin qui dal nuovo corso inaugurato da Roberto Mancini, risultati che dovranno essere migliorati per riuscire a far parte dei 24 che disputeranno il torneo, organizzato eccezionalmente in 12 distinte città europee, con debutto all’Olimpico di Roma e finale in programma a Wembley.

Gli azzurri non sono riusciti a guadagnarsi il pass attraverso la Nations League, chiusa al 2° posto, piazzamento che ha permesso, comunque, di evitare la retrocessione, ma sono chiamati a riscattarsi nel girone di qualificazione. Il sentiero verso Euro 2020 sarà inaugurato dal match contro la Finlandia, Nazionale contro la quale gli azzurri vantano uno score più che positivo: sono ben 11, infatti, le vittorie dei nostri ragazzi in 13 precedenti, con un pareggio e una sconfitta a completare il bilancio e quasi tre gol di media segnati a partita.

La sfida contro i finnici si disputerà sabato 23 marzo alle 20.45 a Udine, e rappresenterà il primo appuntamento ufficiale delle qualificazioni all’Europeo – girone J – per la nostra Nazionale. Archiviata questa gara, la formazione di Roberto Mancini se la dovrà vedere poi con il Liechtenstein. L’incontro con la Nazionale guidata da Rene Pauritsch, si giocherà martedì 26 marzo, con orario fissato alle 20.45, e si disputerà al Tardini di Parma. Oltre ai primi due ostacoli, gli azzurri troveranno sulla strada, verso l’Europeo, altre tre avversarie come Armenia, Bosnia e Grecia a completare il girone. Il C.T. per questa prima tornata di gare ha convocato 29 giocatori, le principali novità riguardano il ritorno di Fabio Quagliarella, attuale capocannoniere del campionato con 21 centri, e di Leonardo Spinazzola, uno dei grandi protagonisti della rimonta bianconera ai danni dell’Atletico in Champions.

Esclusi Mario Balotelli e Andrea Belotti, sono stati confermati, invece, alcuni giovani come Zaniolo, Kean e Mancini, e i calciatori che militano all’estero, quali Piccini, Verratti, Jorginho e Grifo. Mancini, nel ritiro di Coverciano è stato chiaro: “Queste partite ci proiettano verso gli Europei, si sentirà un po’ di più il peso della gara, ma i ragazzi hanno entusiasmo, hanno voglia di venire in Nazionale, credo che si divertano, Noi dobbiamo fare qualcosa di diverso, che faccia divertire la gente e che ci permetta di raggiungere risultati importanti”. Insomma, arrivano le gare che contano e gli azzurri non possono più sbagliare. Fondamentale partire con il piede giusto sin da subito, vista anche la modestia delle nazionali che Mancini e i suoi andranno ad affrontare, 6 punti in due partite sarebbero un buon viatico per la scalata alla qualificazione.

Rispondi