Napoli ha festeggiato il primo maggio in Piazza del Plebiscito

Napoli ha festeggiato il primo maggio in Piazza del Plebiscito

2 Maggio 2019 0 Di il Cosmo

di Luca Forlani –

La Confsal, quarta confederazione sindacale italiana ha scelto Napoli e il sud per celebrare la seconda “Giornata del lavoro”. La lunga giornata del primo maggio si è aperta alle 11 con uno “spazio giovani”. L’evento intitolato Destinazione lavoro, verso una nuova prospettiva è stato condotto da Eva Giovannini affermata giornalista, recentemente conduttrice del programma Povera Patria in prima serata su Raidue e Luca Forlani, già impegnato in serie televisive Rai e Mediaset. Il DJ Cristian Stortoni, dalla sua consolle ha animato la piazza con brani musicali. Tra gli ospiti dello spazio giovani Annalisa Massa che ha cantato la celebre hit partenopea Abbracciame. Nel ruolo di “disturbatori” Stefano Venarucci e Agostino Maranò. I due attori comici hanno impersonato i ruoli di due imprenditori agli antipodi: l’uno altruista, interessato all’interesse generale, e l’altro egoista, più orientato verso il vantaggio personale.

Sul palco alcuni giovani (tra i 18 e i 29 anni) rappresentanti delle federazioni che compongono la Confsal hanno risposto alle seguenti domande: Qual è il confine tra etica ed economia? Quali benefici possono portare i giovani al sistema produttivo attuale? Esiste un conflitto generazionale nei luoghi di lavoro?  Quali sono le motivazioni che spingono i giovani a chiudersi tra le mura domestiche? Ci sono ragioni per cui i lavoratori adulti si adeguano difficilmente al progresso? È giusto parlare di nuovi lavori o di nuova flessibilità del lavoro?

I ragazzi hanno raccontato la propria esperienze e hanno presentato delle riflessioni riguardanti quattro grandi temi definiti da neologismi creati appositamente per l’occasione: conflittismo, mommonismo, anzianismo e lavorismo.

Sul palco insieme alle nuove leve di Confsal Giovani sono intervenuti due protagonisti del mondo sindacale: Donato Capece e Rino Piroscia.

Dopo lo spazio giovani, alle ore 12:00, si è tenuta la manifestazione sindacale, dove il Segretario generale Angelo Raffaele Margiotta, ha aperto un confronto tra il mondo politico ed il sistema delle federazioni che compongono la Confsal.

“La situazione del Paese – ha spiegato Margiotta – è drammatica, soprattutto al Sud, dove gli indicatori macroeconomici sono dimezzati rispetto al resto d’Italia. Per questo, occorre al più presto dare vita ad un Patto per lo sviluppo che coinvolga tutti gli attori del sistema Paese con l’obiettivo di valorizzare il lavoro pubblico e privato, stimolare la crescita economica e far ripartire l’occupazione, con politiche a misura della persona e a misura dell’impresa”.

Dalle 14:00 alcuni big del panorama musicale italiano hanno concluso il primo maggio napoletano facendo cantare tutta la piazza. Si sono alternati: Sal Da Vinci, Dolcenera, Briga, Francesco Da Vinci, I Desideri e Sasà Mendoza.

Una lunga giornata che ha visto la partecipazione di tante persone arrivate da tutta Italia. La manifestazione ha testimoniato un forte interesse del mondo sindacale nei confronti dei giovani che rappresentano il motore per raggiungere un efficace sviluppo economico e produttivo.