Top e Flop… Luci e ombre del Campionato

Top e Flop… Luci e ombre del Campionato

16 Maggio 2019 0 Di il Cosmo

di Franco Leonetti –

La rubrica per focalizzare e imprimere nella memoria i momenti più belli e quelli più ombrosi che il campionato di calcio regala ai tifosi ad ogni turno, Una sorta di promemoria in pillole, per rivivere, in un flash, la giornata appena trascorsa.

Top

• Belotti (Torino) sbaglia un rigore nel primo tempo, calciando altissimo dal dischetto, ma nel secondo sigla una doppietta importante per la vittoria del Torino, con il gol del 3-2 letteralmente fantastico, in plastica rovesciata: il Gallo è tornato

• Correa (Lazio) materializza il contropiede perfetto, con un gran gol sul secondo palo, ragazzo talentuoso con una stagione ottima sulle spalle.

• Calhanoglu (Milan) non fa di certo il centravanti come ruolo, ma la sua incornata di testa regala il successo ai rossoneri, con un gesto tipico da bombardiere d’area di rigore

• Meret (Napoli) sfoggia grandi parate contro i suoi ex compagni della Spal, permettendo agli azzurri partenopei di espugnare il campo di Ferrara

• Romero (Genoa), di professione difensore, libera con un colpo di tacco da fantasista il compagno Pandev che insacca il gol della bandiera contro l’Atalanta. Rete inutile ma il gesto tecnico va elogiato.

Flop

• Chiellini (Juventus) regala letteralmente il vantaggio della Roma, sbagliando un pallone facile poi concretizzato da Florenzi. Difetto di tensione e calo della soglia d’attenzione e degli stimoli.

• Bourabia (Sassuolo) prima sigla un gran gol, poi esulta con la maglia in testa, stile Ravanelli, e viene espulso per doppio giallo dall’arbitro. Ingenuità colossale che costa ai neroverdi emiliani la sconfitta in quel di Torino

• Genoa nei guai fino al collo: l’Empoli di Andreazzoli, corsaro in casa della Sampdoria. I toscani non mollano la presa sulla salvezza, alzano la quota punti e lotteranno fino all’ultimo, giocando anche un buonissimo calcio. I tifosi rossoblù liguri tremano…

• La Fiorentina sprofonda sempre più giù, ad oggi la squadra viola non è ancora salva: Montella rabbuiato e sensibilmente nervoso nelle dichiarazioni del dopopartita!