Bike Night, torna il tour con sei tappe e migliaia di ciclisti per vivere le notti d’estate in bici

di Deborah Villarboito –

Le notti d’estate sono fatte per pedalare: torna il tour delle Bike Night, le pedalate notturne di Witoor che ogni anno portano sulle più belle ciclabili d’Italia migliaia di ciclisti. L’unico evento a due ruote che mescola pubblici diversi, per chi vuole pedalare a qualsiasi ora del giorno, non ha paura del buio, vuole scoprire un modo nuovo di viaggiare. La sesta edizione del tour delle Bike Night è partita sabato 15 giugno a Ferrara, e proseguirà a Milano, Assisi, Udine, Bolzano e Verona, con l’ultima tappa sabato 21 settembre. Sei appuntamenti da 100km, con partenza a mezzanotte e arrivo all’alba, per un’esperienza in bici unica e innovativa che nel 2018 ha coinvolto tremila partecipanti da tutta Italia.

Nate nel 2014 a Ferrara, hanno coinvolto sempre più territori e partecipanti, avvicinando nuove persone alla bici grazie alla magia di una pedalata da 100km di notte che parte dalla città e arriva nella natura sfruttando il più possibile la rete ciclabile. Un appuntamento che rievoca il fascino del ciclismo d’epoca ma con un approccio moderno e trasversale, unendo tipologie di ciclisti diversi: chi si cimenta per la prima volta su una distanza di 100km oppure chi è già allenato ma è stimolato dalla sfida notturna. Si parte a mezzanotte, si arriva all’alba dopo un viaggio in bici con tre ristori e la colazione all’arrivo.

Nel 2019 sono riproposte le cinque tappe dell’edizione precedente, più la novità della prima Bike Night in Umbria. Il prossimo appuntamento è previsto per sabato 29 giugno con la Milano – Lago Maggiore (Arona), con il passaggio di centinaia di ciclisti in piazza Duomo dopo mezzanotte e il percorso lungo il Naviglio Grande. Sabato 13 luglio la nuova Assisi – Norcia, lungo le ciclovie più suggestive dell’Umbria arrivando nel cuore del centro della storica cittadina. Sabato 27 luglio si ritorna in Friuli con la Udine – Alpe Adria (Ugovizza), salendo su una delle ciclabili più belle d’Europa, poi a settembre gran finale: sabato 14 settembre la tappa interamente sulle montagne dell’Alto Adige, la Bolzano – Villabassa, chiusura del tour sabato 21 settembre con la Verona – Lago di Garda (Riva), partendo da piazza San Zeno e risalendo l’Adige.

Il progetto Bike Night è ideato, organizzato e prodotto da Witoor, società attiva nell’organizzazione di eventi ciclistici e cicloturistici. Il format prevede assistenza medica e tecnica, per garantire completa sicurezza, e ai partecipanti sono offerti tre ristori ogni 25km circa più la colazione e gadget all’arrivo. Sono garantiti servizi di noleggio bici e casco, rientri in pullman o treno. L’attesa della partenza vedrà inoltre la partecipazione di espositori legati al mondo della bici. Cresciuta anno dopo anno, la Bike Night unisce tutti i tipi di ciclisti: l’agonista, i meno allenati, le famiglie, singoli e coppie, o gruppi di amici. Significativa la presenza femminile, oltre il 25%, sopra la media per eventi di questo tipo. È una festa, non una moda: si interpreta finalmente soltanto sé stessi. Nelle tappe senza dislivello si vede ogni tipo di mezzo a due ruote senza motore: bici da città, da corsa, gravel, mtb, tandem, footbike, bici reclinabili. Partecipano anche persone con disabilità. In montagna, compaiono anche le e-bike.

La distanza dei 100km è considerata come il limite per chi non ha ancora affrontato viaggi in bici di lunga distanza, ma davvero alla portata di tutti. Nella tappa emiliana su 1500 partecipanti solo l’1% si ritira. Per arrivare preparati, è sufficiente iniziare almeno un paio di mesi prima con uscite settimanali di 40-50km. Poi durante la notte sarà la forza del gruppo, i ristori e l’energia dell’alba a dare tutte le forze necessarie. Per partire è consigliato dotarsi di illuminazione adeguata, e giubbotto catarifrangente.

«Non conta il cronometro – spiega Simone Dovigo, presidente Witoor – non c’è ordine di arrivo: è un evento che racchiude elementi quasi primordiali che portano a salire in sella alla bici». Bike Night risponde alla crescente voglia di bici, in aumento negli ultimi anni in Italia, e offre una dimensione non competitiva e coinvolgente per tutti coloro che amano la bici, animati da una «passione che non dorme mai». «La magia del viaggio e dell’orario inconsueto, con la notte, illuminata solo dalle luci dei ciclisti, che diventa elemento sorprendente, perché quello che non si vede, si ascolta. E dopo il buio arriva il sole a regalare calore e sorrisi per avercela fatta tutti insieme».

Le iscrizioni sono aperte online su http://www.bikenight.it e nei punti ufficiali nelle città di partenza.

Rispondi