Il traveler’s notebook

di Fabiana Bianchi –

Fin dall’apertura di questa rubrica abbiamo visto l’importanza fondamentale di mettere nero su bianco i contenuti per migliorare la nostra organizzazione. Agende, diari e taccuini sono i nostri alleati. Fra i “planner addict” si confrontano spesso agende ad anelli, a spirale, rilegate, copertine rigide e morbide, in pelle o in cartone, fino ad arrivare a dettagli come la grammatura della carta. Il supporto, di per sé, non ha un’importanza campale per chi vuole semplicemente ricordare gli impegni e magari prendere qualche appunto: la scelta sarà semplicemente questione di preferenze personali. C’è però un supporto curioso, meno conosciuto rispetto ai più tradizionali taccuini o agende ad anelli, di cui è interessante parlare.

Lo chiamano “traveler’s notebook”, ossia “il taccuino dei viaggiatori”, perché si presta particolarmente a essere usato come diario di viaggio. Ma non solo: il “traveler’s notebook” può essere la scelta giusta per chiunque sia abituato a categorizzare e suddividere. Questo tipo di supporto è originario del Giappone: viene infatti spesso chiamato anche “Midori”, dal nome dell’azienda creatrice.

Il funzionamento è semplice. Il “traveler’s notebook”, spesso abbreviato semplicemente in “tn”, consiste in una copertina esterna, che può essere di pelle, simil-pelle o cartonata, con delle tasche al suo interno. Di solito una delle due tasche è richiudibile, come una sorta di busta. Al centro della copertina ci sono poi alcuni elastici. Proprio su questi elastici si inseriscono i “cuori pulsanti” del “tn”: i quadernini che lo compongono. Si possono inserire nuovi quadernini, toglierne, sostituirli, lasciarne alcuni a casa e portarne altri con sé. Il punto forte del “tn” è dato proprio dalla possibilità di suddividere nei vari quadernini diversi argomenti. Qualche esempio: è possibile portare con sé nello stesso “tn” un quadernino usato come agenda e uno come diario personale. Aggiungerne uno dedicato ai progetti creativi. Per chi ha figli, ognuno potrebbe avere il suo quadernino dedicato con impegni scolastici, sportive o visite mediche. 

Punto forte del “tn”, insomma, è la flessibilità. Non solo: le tasche interne sono perfette perché ci trovino posto scontrini, biglietti da visita e altri fogli volanti da riorganizzare in un secondo momento. Qualcuno sceglie addirittura di usarlo direttamente come portafoglio.

Infine, un occhio anche all’estetica: il “tn” è uno dei supporti più facilmente personalizzabili. Accanto ai marchi più famosi, come appunto Midori, che dedica grande attenzione alla qualità dei suoi prodotti, ci sono anche diversi artigiani che ne propongono versioni personalizzate su misura. Sul web sono reperibili facilmente anche molti tutorial per fabbricarseli da sé.

Rispondi