Afa eccezionale in Usa: Trump, ridi ancora per il surriscaldamento del pianeta?

La natura invia un chiaro segnale a Donald Trump, scettico e ironico sui cambiamenti climatici del pianeta. Gli Stati Uniti stanno venendo travolti da un’eccezionale ondata di afa, che colpirà duramente 200 milioni di cittadini americani. Dal Midwest alla costa orientale, toccando pure una parte del Canada, sarà tutto un cercare refrigerio nelle fontane. Se le temperature arriveranno ai 40 gradi, quelle percepite saranno più alte a causa della forte umidità.

A New York è stato dichiarato lo stato di emergenza locale. Ma si preparano al peggio pure Boston, Philadelphia, Baltimora e Washington. Si scavalleranno quasi senza accorgersene i 38 gradi un po’ ovunque, tra le Central Plains, il Colorado e il Kansas a Ovest, i Grandi Laghi a Nordest. Termometro impazzito pure sulla East Coast. Secondo il National Weather Service, l’ondata eccezionale di caldo dovrebbe durare per tutto il week end.

New York è la città che più si prepara a ‘soffocare’. Sono stati addirittura annullati eventi in programma. Niente OZY Fest, festival all’aperto in programma oggi e domani a Central Park, niente commemorazione a Times Square per i 50 anni dello sbarco sulla Luna. Annullate pure le gare di triathlon che si sarebbero dovute disputare domani, domenica. Il sindacio De Blasio ha ordinato a proprietari di edifici e uffici di regolare i condizionatori non oltre i 26 gradi fino a domenica per risparmiare energia (e non rischiare i black out). Non solo: sempre il primo cittadino ha ordinato l’apertura di 500 centri di “raffrescamento” in città. Detroit e altre metropoli faranno nello stesso modo.

Se gli Stati Uniti boccheggiano, il Canada soffre. L’ondata di caldo arriverà nel Quebec. Ma anche in Ontario e Nova Scotia. A Toronto si dovrebbero toccare i 40 gradi e non sono esclusi forti temporali. A Montreal, tra oggi e domani, si arriverà addirittura a 45 gradi. E chissà se il presidente Trump sarà contento di sapere che gli eventi estremi proseguiranno la prossima settimana quando le temperature si abbasseranno bruscamente.

di Alessandro Pignatelli

Rispondi