Maura Forte: “Vercelli: dalla Magna Charta alle esternazioni di Cannata”

di Alessandro Pignatelli –

“Solo poco tempo fa Vercelli era alla ribalta per la Magna Charta, per l’arte, per i suoi personaggi, per gli sportivi, per la Pro Vercelli, per la sua capacità culturale. E ora? Siamo sugli organi nazionali per le esternazioni di Giuseppe Cannata, l’ex vice presidente del Consiglio comunale”. Disgustata dal post contro gay e lesbiche Maura Forte, l’ex sindaco di Vercelli, annuncia battaglia da parte dell’opposizione: “Presenteremo due mozioni di sfiducia per Cannata e per Emanuele Pozzolo”. Ma il primo ha poi deciso di dimettersi.

Ancor più grave che la frase “ammazziamoli tutti” sia arrivata da “un amministratore, riferimento per la comunità”. Racconta, Forte, gli ultimi giorni difficili per Vercelli, prima per colpa di Pozzolo, poi di Cannata: “Il primo, a cui gli si era rivolto una famiglia in difficoltà a proposito delle case popolari, che ha spifferato tutto e poi ha dato a queste persone dei parassiti. Il secondo che probabilmente è un fatto anche più grave perché mette insieme pedofili, gay e lesbiche”. 

È il clima che è mutato in città: “Proprio la fisionomia di Vercelli. Sui social e non solo. Il sindaco Corsaro è stato invitato a dare una risposta, ma oltre a condannare la frase di Cannata, ha detto che non spetta a lui rispondere. E invece non è vero. Io, da primo cittadino, ho fatto interventi per molto meno”. Continua: “Serve sanzionare chi si comporta così, figure che non hanno principi e rispetto. Pensate alla deriva educativa nei confronti delle nuove generazioni”. 

La voglia di dire è tanta: “Pazzesco che siano stati messi insieme i gay, le lesbiche e i pedofili. Giorgia Meloni se l’è cavata dicendo che in Fratelli d’Italia non possono esserci persone di questo tipo, ma anche che Cannata era senza tessera”. Insomma, un po’ come se si fosse lavata le mani di questo caso. A dare la sveglia al Consiglio comunale ci penseranno i Democratici: “Noi non stiamo fermi, né per Pozzolo né per Cannata, un vecchio socialista che poi si è schierato con Fratelli d’Italia. Così come Pozzolo, che si è presentato da autonomo, ma che ora è assessore comunale di FdI”. 

Rispondi