Tra provvedimenti e voti, la tensione si fa ancora sentire

Tra provvedimenti e voti, la tensione si fa ancora sentire

8 Agosto 2019 0 Di il Cosmo

di Fabiana Bianchi –

• La settimana politica di Cosmo si è aperta giovedì primo agosto con nuove tensioni all’interno del governo, relative alla riforma della giustizia. Secondo la Lega, il provvedimento sarebbe “vuoto e inutile”. «Quando arrivano ‘no’ a prescindere e si pescano argomenti qua e là che nulla hanno a che fare con la riduzione dei tempi dei processi, mi viene il dubbio che l’obiettivo sia far saltare la riforma della prescrizione che entrerà in vigore a gennaio – ha dichiarato il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede – Mi auguro che non sia questo perché è inaccettabile fare giochini sulla carne viva dei diritti delle persone».

• Venerdì 2 agosto il premier Giuseppe Conte ha incontrato la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen. «Ottimo scambio con il premier italiano Giuseppe Conte, su competitività, migrazioni, crescita economica, innovazione e lavoro – ha fatto sapere lei su Twitter – specialmente per le regioni che hanno bisogno di sostegno per rimettersi al passo. L’Europa ha bisogno dell’Italia e dello spirito di Alcide De Gasperi». I due leader, infatti, hanno posato per una foto davanti a un suo busto.

• Sabato 3 agosto il tema caldo è stato l’intervento del vicepremier Matteo Salvini al celebre stabilimento balneare “Papeete” di Milano Marittima. Il ministro è salito in consolle insieme ai deejay e dalle casse è risuonato l’inno di Mameli, con tanto di balli e salti da parte delle cubiste. La scena ha scatenato numerose polemiche.

• Domenica 4 agosto il vicepremier Luigi Di Maio ha annunciato la prossima approvazione di un decreto legge. «Siamo al lavoro su questioni importantissime – ha dichiarato – questo decreto legge si riferisce a temi come la sede Whirpool di Napoli, che non chiuderà più». Inoltre, nel provvedimento ci saranno nuove tutele per i cosiddetti “rider”, che lavorano per la consegna di cibo. «Abbiamo parlato con i rappresentanti delle piattaforme – ha fatto sapere Di Maio – ma non c’è stata una grande intesa. Da qui la decisione di provvedere con un decreto legge. Ai rider verranno riconosciute tutele assicurative, rimborsi spese, un salario minimo e la tutela sanitaria».

• Lunedì 5 agosto il Senato ha dato esito positivo al voto di fiducia posto dal governo sul “decreto sicurezza bis”. I voti favorevoli sono stati 160, a fronte di 57 contrari e 21 astenuti. I “sì” sono arrivati da Lega e Movimento 5 Stelle, mentre Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno optato per l’astensione (avevano però dato parere favorevole al provvedimento). I 18 articoli riguardano principalmente il soccorso in mare e riforme del codice penale, con particolare riferimento all’ordine pubblico.

• Martedì 6 agosto il vicepremier Salvini ha nuovamente evocato lo spettro della crisi di governo. Al termine dell’incontro con le parti sociali, infatti, il ministro dell’Interno ha dichiarato: «È sciocco negare che da qualche mese di troppo ci sono polemiche e litigi con critiche surreali come quelle di Toninelli – ha osservato – Se riusciamo fare bene e in fretta facciamo. Se dobbiamo inseguirci, polemizzare, ribadisco che non siamo incollati alle poltrone. Non ci costringe nessuno. Se il litigio prevale sulla costruzione, il problema c’è e si pone».