Il sogno olimpico che diventa incubo: a rischio Tokyo 2020 e Cortina 2026?

di Deborah Villarboito –

Cambia faccia lo sport italiano, il Coni perde autonomia. Ecco allora arrivare la minaccia del Comitato internazionale olimpico: a Tokyo 2020 senza bandiera e senza squadre, e pure Milano-Cortina 2026 potrebbe vacillare.

La maggioranza a trazione leghista sfida il Comitato olimpico internazionale (Cio) e approva fra polemiche e veleni la riforma dello sport che ridisegna le attività e limita il perimetro di azione e le competenze del Coni. L’Italia rischia dunque «la sospensione o il ritiro del riconoscimento del comitato olimpico», misura adottata in passato nei confronti del Kuwait e dell’India. Dovesse accadere una cosa simile ci ritroveremmo a Tokyo con i nostri atleti senza bandiera tricolore e costretti a partecipare sotto l’egida della bandiera olimpica. Il Cio per questo ha sollecitato la correzione del provvedimento. Il governo, soprattutto nella componente leghista, ha invece deciso di tirare dritto, anche se già dal 24 giugno Thomas Bach, numero uno del Cio, a Losanna prima dell’assegnazione dei Giochi invernali del 2026 a Milano-Cortina aveva messo in guardia il premier Giuseppe Conte dai rischi dell’approvazione della legge. 

La legge è stata approvata con 154 voti a favore, 54 contrari e 52 astenuti. Immediate le reazioni. Il Pd ha parlato di colpo di mano e secondo Luca Lotti la politica mette le mani «sulle risorse dello sport». Anche Forza Italia ha preso le distanze dal provvedimento. Adriano Galliani, peraltro ex manager del Milan, si sarebbe astenuto dal voto, mentre il vicepresidente dei senatori azzurri, Giuseppe Molas, ha ricordato che «lo sport è patrimonio di tutti». Claudio Barbaro, senatore leghista e relatore della legge ma anche dirigente sportivo (è presidente dell’ente di promozione Asi e membro del Consiglio nazionale del Coni) già nei giorni scorsi aveva criticato la legge («va cambiata»), «ma per fortuna — ha spiegato al Corriere — siamo riusciti ad approvare in extremis un ordine del giorno che impegna il governo a esercitare la delega nel rispetto della carta olimpica, oltre a istituire un tavolo di lavoro che metta insieme tutti i soggetti che operano nello sport, che si sono visti abbattere la riforma sulla propria testa senza nemmeno essere ascoltati».

L’accelerazione finale per arrivare all’approvazione nonostante il pressing del Cio sarebbe stata concordata dal potente sottosegretario Giancarlo Giorgetti con il vicepremier Matteo Salvini che al di là del merito delle misure ha intravisto nella riforma un’altra questione su cui polarizzare il dibattito politico. E secondo quanto trapela il leader della Lega è pronto a lanciare una campagna social «contro le ingerenze del Cio».

Dopo una lunga e convulsa ricorsa anche le olimpiadi di Milano e Cortina potrebbero sfumare per motivi politici? Difficile, ma nemmeno impossibile: il Comitato olimpico internazionale intanto ha aperto la possibilità di sospendere o ritirare l’assegnazione. La Svezia dunque potrebbe presentare ricorso per raggiungere l’assegnazione delle Olimpiadi invernali 2026.

Rispondi